Ex Ilva, Melucci: “Stop agli impianti se non si eliminano le emissioni odorigene”

Il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci ha emesso una ordinanza che di fatto impone di individuare gli impianti interessati dei fenomeni emissivi eliminando gli eventuali elementi di criticità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Lo aveva annunciato e lo ha fatto: il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci ha emesso una ordinanza che di fatto impone al siderurgico di eliminare le fonti emissive odorigene e inquinanti oppure la produzione dovra’ fermarsi. Nelle sei pagine del provvedimento il sindaco “ordina alla societa’ ArcelorMittal Italia nonche’ all’Ilva S.p.A. in amministrazione straordinaria, ciascuno per quanto di competenza di responsabilita’, di individuare gli impianti interessati dei fenomeni emissivi eliminando gli eventuali elementi di criticita’ e le relative anomalie entro 30 giorni dal ricevimento della presente ordinanza.

In caso di “mancata ottemperanza” di quanto “innanzi ordinato” Melucci impone di “avviare e portare a completamento le procedure di sospensione e o fermata delle attivita’, nei tempi tecnici strettamente necessari a garantire la sicurezza e comunque non oltre 60 giorni dalla presente”.

Si dispone inoltre di procedere “laddove necessario alla sospensione fermata delle attivita’ inerenti gli impianti funzionalmente connessi agli impianti di cui sopra”. “Qualora non siano state individuate le sezioni di impianto oggetto di anomalia” e quindi non siano state risolte le criticita’, “non oltre 60 giorni” devono essere avviate le procedure di fermata degli altiforno, cokerie, agglomerazione e acciaierie e di procedere laddove necessario per finalita’ legate a ragioni di sicurezza, alla sospensione o fermata dell’attivita’ inerenti gli impianti connessi agli impianti di cui sopra”.

Il provvedimento arriva dopo una serie di lettere in cui Melucci ha ribadito la necessita’ di un intervento a tutela della citta’. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»