Coronavirus, Bardi: “Il vero morbo è la paura”

"Non è il momento della polemica, abbiamo il dovere di tranquillizzare chi ci ascolta" ha dichiarato il governatore della Regione Basilicata Vito Bardi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Le ironie, il sarcasmo, le battute di chi è comodamente a casa, lasciano i tempi che trovano e producono solo una profonda disinformazione che aumenta il panico”. Così il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi illustrando la nuova ordinanza sul coronavirus in consiglio regionale, rivolgendosi ai consiglieri e in particolare al dem Roberto Cifarelli che ieri in una nota dichiarava: “non abbiamo ancora capito chi ha svolto il ruolo del guappo che ci regalato i titoli di giornale nazionali per la brutta figura di questi giorni sulla ancora misteriosa vicenda dell’ordinanza fantasma sul coronavirus delle ore 23:57 di domenica e che ha disorientato e continua a disorientare non solo i cittadini lucani nella quotidianità”.

Nel chiedere serietà anche agli organi di informazione, Bardi ha rassicurato che “in queste ore le aziende sanitarie hanno quanto occorre, dai kit ai tamponi. Dico in queste ore – ha precisato – perchè il governo non aveva centralizzato gli acquisti, dando poi corsie preferenziali al mercato nazionale”.

Il governatore ha poi sottolineato che “il vero morbo è quello della paura. Non e’ il momento della polemica, abbiamo il dovere di tranquillizzare chi ci ascolta. Nel malaugurato caso di un cittadino colpito – ha concluso – siamo nelle condizioni di garantire l’incolumita’ pubblica”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»