Coronavirus, Patuanelli: “Ecco le misure per i comuni colpiti”

Il ministro dello Sviluppo economico prepara le misure in favore dei comuni nelle zone rosse del coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Martedi’ al Ministero dello Sviluppo Economico abbiamo incontrato le categorie produttive, e assieme a loro abbiamo individuato un set d’interventi che attueremo a breve“. Così il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli.

In sintesi, ecco in cosa consiste il primo pacchetto di norme messe a punto dal Mise per tutte le imprese ubicate nei comuni colpiti:

– rafforzamento dell’intervento del Fondo di garanzia per le Pmi: potenziamo il fondo portandolo a 750 milioni di Euro e diamo priorita’ automatica di accesso alle imprese site all’interno della zona rossa, riconoscendo il massimo della garanzia concedibile (80%) e prevedendo la gratuita’ degli oneri della pratica;

sospensione dei pagamenti dei premi assicurativi;

sospensione dei pagamenti di bollette elettriche, idriche e gas;

sospensione dei diritti di segreteria e del diritto annuale dovuti alla Camera di Commercio;

sospensione del versamento corrisposto ai fondi mutualistici del 3% degli utili di esercizio;

proroga dell’entrata in vigore delle procedure di allerta per tutte le Pmi;

sospensione dei pagamenti nei confronti di Invitalia sul rientro di finanziamenti e contributi agevolati, relativi soprattutto a imprenditoria giovanile e femminile;

proroga di tutti i bandi aperti per l’accesso alle misure incentivanti del Ministero dello Sviluppo Economico;

– in accordo con Abi e Mef, la sospensione delle rate dei mutui bancari per imprese e famiglie.

Inoltre, conclude Patuanelli, “con il ministero dell’Economia si stanno valutando le indennita’ per danno diretto e indiretto, che attueremo con un secondo pacchetto piu’ ampio assieme ad altre misure”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»