Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tivoli, rubava a scuola nelle borse di docenti e alunni. Arrestato educatore

L'uomo in servizio presso il convitto nazionale "Amedeo di Savoia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I Carabinieri della Stazione di Tivoli hanno arrestato in flagranza, per furto, l’educatore scolastico P.F. di 59 anni. L’uomo, che prestava servizio presso il convitto nazionale ‘Amedeo di Savoia Duca D’Aosta’, e’ stato arrestato al termine di una specifica attivita’ investigativa, coordinata dalla locale Procura della Repubblica ed eseguita anche con l’utilizzo di mezzi tecnici.

L’educatore, infatti, approfittando della sua professione ed avvantaggiandosi anche delle circostanze di tempo e di luogo che gli consentivano di eludere sia le indagini sia l’attenzione delle vittime, si rendeva responsabile di molteplici furti di denaro contante, traendoli da borse, zaini e borselli e sempre in danno di alunni, docenti e personale amministrativo. L’indagine, avviata a seguito di una segnalazione pervenuta da personale dirigente dell’istituto, anche mediante l’impiego di telecamere, ha consentito di arrestare l’uomo, in diretta, dopo aver trafugato, da un borsello, la somma contante di 50 euro.

L’arrestato, e’ stato poi tradotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari in attesa della convalida dell’arresto a cura dell’Autorita’ giudiziaria competente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»