Tromboni e sassofoni, le associazioni lirico-sinfoniche protestano in piazza a Montecitorio/FT e VD

Protesta in musica per i musicisti dei teatri: sono arrivati a Roma da tutta Italia per far sentire la loro voce
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Protesta in musica a Montecitorio. Scendono in piazza, con tromboni, sassofoni e clarinetti, i lavoratori delle fondazioni lirico sinfoniche. Il presidio musicale si batte per l’abrogazione dell’articolo 24 della legge 160/2016. “La norma precarizza i lavoratori delle fondazioni che così vengono declassate. Alcune chiudono temporaneamente l’attività, con riduzione della programmazione”, spiegano i musicisti che chiedono anche “l’adeguamento degli investimenti per la cultura ai livelli europei, visto che l’Italia è penultima in Europa“.

La vertenza vuole ottenere inoltre il riconoscimento della musica e della danza come beni fondamentali per la collettività e una maggiore fruibilità dell’offerta musicale per le fasce deboli della popolazione. Il Comitato nazionale dei lavoratori delle fondazioni lirico sinfoniche sta inoltre lavorando ad una proposta di legge del settore che verrà presentata nelle prossime settimane. Al presidio si alternano lavoratori del Teatro dell’Opera di Roma e delegazioni dal Teatro Regio di Torino, dal Carlo Felice di Genova, dall’Arena di Verona, dalla Fenice di Venezia, dal Verdi di Trieste, dal Comunale di Bologna, dal Maggio fiorentino musicale, dal San Carlo di Napoli, dal Lirico di Cagliari, dal Petruzzelli di Bari, dal Massimo di Palermo.

di Alfonso Raimo, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»