Dc: “Governo porti proposte al tavolo politico”

SAN MARINO - Dopo 60 giorni di legislatura, il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – Dopo 60 giorni di legislatura, il governo sta dimostrando di non essere “sul pezzo”. A conclusione della quarta e ultima sessione consiliare dopo le elezioni che hanno portato alla vittoria di Adesso.sm, il primo partito del Paese, dall’opposizione, dà la pagella politica a governo e maggioranza, invitandoli a una inversione di marcia. Da via delle Scalette, i rappresentanti del Pdcs toccano così i temi discussi in Consiglio, Tlc e conti pubblici. In particolare, su quest’ultimo punto, il cui dibattito in Aula era stato chiesto proprio dai democristiani, il consigliere Francesco Mussoni sottolinea la delusione del Pdcs: “A malincuore, c’è una riflessione politica da fare- manda a dire- ovvero che, a distanza di 60 giorni dall’insediamento del nuovo governo, quando servivano provvedimenti immediati, rileviamo la totale assenza di proposte idonee a far fronte alla situazione economica e finanziaria dello Stato che è preoccupante, ma non ignota”. Tutto ciò “denota che il governo non è sul pezzo– ribadisce- e non ha in mano la situazione del Paese“. La strigliata del Pdcs mira a portare ad una reazione politica: “Auspichiamo che presto giunga una chiamata dalle forze politiche di maggioranza e governo- prosegue il consigliere- per confrontarci su proposte e punti concreti”. Mussoni invita quindi Adesso.sm a tornare al confronto politico: “Vogliamo sederci per parlare di cose concrete- manda a dire- non di conferenze a Domagnano e di conti pubblici già noti”. In particolare si rivolge a chi, di Adesso.sm, ha più esperienza: cita Mario Venturini, neo presidente di Rf, e il coordinatore Nicola Selva, i rappresentanti di Ssd che hanno avuto un passato nel Psd. “Mi auguro che possano portare ad un tavolo politico proposte su cui fare esprimere anche l’opposizione che vuole fare sistema- prosegue- perché se arrivano proposte serie e condivisibili, noi le condivideremo“. Di certo, non sono invece condivisibili le scelte emerse su Tlc e conti pubblici.

“Non sosterremo mai- chiarisce infatti Alessandro Cardelli- iniziative di misure recessive ed eventuali forme di indebitamento esterno”. Il capogruppo del Pdcs si riferisce a quanto è emerso dal dibattito sui conti pubblici: “Ci ha destato preoccupazione il fatto che il governo voglia ricorrere all’indebitamento verso l’esterno, abbiamo dato gli strumenti necessari per evitarlo”. Si riferisce all’articolo 16 dell’ultimo bilancio che “in casi di emergenza di liquidità- spiega- consente di intervenire sul mercato interno con l’accensione di un finanziamento con enti pubblici o banche sammarinesi”. Sul terreno delle Tlc invece, il consigliere Stefano Canti spiega che “il modello Dc punta ad un progetto sulle misto con torri di comunicazione collocate nelle zone più periferiche e microcelle a ridosso dei centri storici”. Diversamente, il governo attuale si è impegnato a proseguire la strada indicata dal progetto Polab, basato essenzialmente sulle torri. William Casali fa infine emergere dei dubbi sull’incapacità del governo a dialogare con Aass sul progetto delle Tlc, rispetto cui l’Azienda di Stato riveste invece un ruolo strategico. Quindi Lorenzo Ercolani del movimento giovanile affronta un altro tema discusso in Consiglio, la proposta di legge sui crediti monofase giudicandola “incostituzionale” perché “va contro il principio di retroattività e contro la responsabilità limitata degli amministratori e sindaci di società debitrici”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»