Addio a Dj Fabo, morto in Svizzera con suicidio assistito

"Fabo è morto alle 11.40. Ha scelto di andarsene rispettando le regole di un Paese che non è il suo", ha commentato il radicale Marco Cappato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Dj Fabo è morto. Se ne è andato in Svizzera, Paese in cui era arrivato ieri e in cui è legale il suicidio assistito.  

“Fabo è morto alle 11.40. Ha scelto di andarsene rispettando le regole di un Paese che non è il suo“, ha scritto il radicale Marco Cappato, dando l’annuncio su Facebook. Cappato lo aveva accompagnato oltre confine.

Dj Fabo, all’anagrafe Fabiano Antoniani, dal 2014 era cieco e paralizzato in seguito a un incidente stradale. Aveva espresso il desiderio di morire in maniera dignitosa, sollecitando anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ad intervenire sulla questione.

LEGGI ANCHE Eutanasia, l’appello di Fabo a Mattarella: “Vorrei scegliere se morire”/VIDEO

L’ultimo messaggio prima di morire

https://www.facebook.com/EutanasiaLegale/videos/731564223680371/

“Sono finalmente arrivato in Svizzera”, dice Dj Fabo nell’ultimo messaggio audio, “e ci sono arrivato, purtroppo, con le mie forze e non con l’aiuto dello Stato“.

“Volevo ringraziare una persona che ha potuto sollevarmi  da questo inferno di dolore, di dolore, di dolore. Questa persona si chiama Marco Cappato e lo ringrazierò fino alla morte. Grazie Marco. Grazie mille”, le sue ultime parole pubbliche.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»