Orlando rassicura la Sardegna: “Non ridurremo i tribunali”

"Il tema non è sul mio tavolo e penso che non lo sarà neanche nei prossimi anni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Il tema non è sul mio tavolo e penso che non lo sarà neanche nei prossimi anni”. La rassicurazione sull’ipotesi di un accorpamento dei tribunali in Sardegna, con la conseguente soppressione di qualche presidio, arriva questa mattina al ministro della Giustizia Andrea Orlando, a Cagliari per l’incontro pubblico dal titolo “Una città per la cultura della legalità e del senso civico”, nella sala grande del Teatro Massimo. “Abbiamo fatto una scelta che è quella di incaricare la Commissione Vietti che si occuperà dell’assetto dela geografia giudiziaria di occuparsi solo del tema del secondo grado di giudizio- spiega il ministro a margine dell’iniziativa-. In Sardegna il problema non si pone perché c’è soltanto la Corte d’appello. Il tema dei tribunali non è quindi in discussione- continua-. Piuttosto c’è la necessità di un ritocco dei confini dei singoli circondari in qualche area del Paese, ma ripeto, non è il caso della Sardegna”.

di Andrea Piana

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»