Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al voto nei gazebo di Salvini: “Bertolaso non ci piace”

Tra i gazebo romani di 'Noi con Salvini' il sentimento più diffuso dei militanti è quello di dire no a Bertolaso. Perché? "Perché è un uomo di Berlusconi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

banchetto_noi_con_salvini

ROMA – Una cosa è certa: Bertolaso candidato del centrodestra a Roma non lo vogliono. Tra i gazebo romani di ‘Noi con Salvini’ il sentimento più diffuso dei militanti è quello di dire no a Bertolaso. Perché? “Perché è un uomo di Berlusconi”. O perchè ha difeso i Rom. Oppure perché è uomo “della vecchia politica” o scelto dall’alto. A piazza Cola di Rienzo i volontari del gazebo rimpiangono Suad Sbai. “E’ il nostro capo, ci piace, gran donna. Ma purtroppo ha un ruolo nazionale e non si è potuta candidare a Roma”. Il signor Carlo, sotto la pioggia in una Prati deserta, alle 11 ha già votato: “Non mi piace Bertolaso, c’era poco da scegliere e ho votato Storace. La Pivetti è troppo legata alla Lega e da romano non mi fido, almeno Storace è romano. Io sono anarchico e penso che su gay e immigrazione ci voglia un atteggiamento più duro e deciso”.

gazebo_noi_con_salvini

Stessa musica nel cuore della destra romana alla Balduina, dove anche Francesco Storace, uno dei candidati in lizza, si è presentato per votare (LEGGI QUI). Vincenzo Spavone, volontario al seggio, spiega: “Noi vogliamo creare un dibattito perché la gente è un po’ incazzata per la vicenda di Bertolaso che se ne è uscito con quelle dichiarazioni sui rom e ha messo in imbarazzo i romani”. Una coppia di signori anziani si ferma. Lui scappa: “No, non ne voglio sapere, io voto Raggi perché mi piace di più, però non sono dei 5 stelle, ho votato Salvini già alle europee”. Lei si ferma: “Io ho votato Marchini perché i grillini dopo Quarto mi hanno deluso e poi Marchini è l’unico che ha esplicitato cosa vuol fare a Roma”. Lasciata la zona nord ovest della Capitale ci si sposta verso est, piazza Bologna. “C’è tanto malcontento, non abbiamo volantini, non chiamiamo le persone eppure molti si fermano per votare o sono venuti apposta”, sottolinea Sara De Angelis, militante del gruppo ‘Noi con Salvini’. Come stanno votando? “Sentendo chi si ferma a chiacchierare direi Storace o Marchini”. Pochi metri più in là il signor Mario sta salendo in macchina dopo aver votato. “La mia preferenza è andata a Marchini. Storace è troppo ‘fascio’ mentre gli altri sono impresentabili. Spero che questa consultazione faccia cambiare idea a Berlusconi ma dubito, ormai è diventato renziano pure lui”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»