hamburger menu

A Reggio Calabria un’installazione ricorda Auschwitz: per “tagliare il filo spinato dell’odio”

Nel Giorno della Memoria il ricordo dell'orrore dell'olocausto nazifascista

reggio calabria_giorno della memoria-min

REGGIO CALABRIA – Una riproduzione del cancello di ingresso del campo di sterminio di Auschwitz, con la scritta nazista “Arbeit macht frei”, il filo spinato, delle forbici per tagliarlo.
Ha celebrato così il Comune di Reggio Calabria, oggi, il Giorno della Memoria, con una istallazione in Piazza Italia, tra i palazzi istituzionali della Città metropolitana e del Comune, che ripropone l’orrore dell’olocausto nazifascista e la possibilità, per ogni cittadino, di contribuire a tagliare simbolicamente il filo spinato dell’odio.

Per l’occasione erano presenti oggi i due sindaci facente funzioni della Città metropolitana di Reggio Calabria e del Comune, rispettivamente Carmelo Versace e Paolo Brunetti.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-27T17:53:44+02:00