Memoria, videomapping monumentale al Palazzo dei Congressi di Roma

videomapping palazzo congressi
Rosati (Eur Spa): "Lasciare messaggio di tolleranza ai nostri figli"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un videomapping monumentale dedicato alla memoria delle vittime dell’Olocausto. L’iniziativa è stata promossa per celebrare il Giorno internazionale della Memoria, davanti il Palazzo dei Congressi da Eur Spa, con il patrocinio di Roma Capitale, in collaborazione con la Comunità Ebraica di Roma, con la quale ha sottoscritto un protocollo per sostenere attivamente eventi o iniziative per la valorizzazione della memoria della Shoah. L’intervento di videoarte curato dai Quiet Ensemble animerà fino alle ore 24 la facciata monumentale del Palazzo dei Congressi, proponendo un viaggio nella memoria dal forte impatto emotivo.

Un’opera realizzata combinando video e immagini fotografiche, concesse dalla Fondazione Museo della Shoah, di donne, uomini e soprattutto bambini di famiglia ebraica, che furono deportati ad Auschwitz e mai tornarono, con frasi di Primo Levi, Piero Terracina, Ugo della Seta, Simon Wiesenthal, Hanna Arendt, Liliana Segre, Jean-Luc Godard, Italo Calvino, Ray Bradbury, capace di creare una uniformità complessiva della narrazione incentrata sul valore della memoria della Shoah.

“L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremmo mai togliere il segnalibro della memoria” è una delle frasi di Primo Levi che appare nella videoinstallazione, che apre con immagini dei roghi organizzati nel 1933 per bruciare i libri considerati dai nazisti “contrari allo spirito tedesco” e che chiude in modo toccante con i disegni di Aldo Gai sul rastrellamento nazifascista avvenuto il 16 ottobre del 1943 nel Ghetto di Roma, gentilmente concessi dalla famiglia Gai.

Presenti in piazza Kennedy, la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello, la sindaca di Roma Virginia Raggi, il presidente della Fondazione Museo della Shoah di Roma Mario Venezia, il presidente di Eur Spa Alberto Sasso e l’Amministratore delegato di Eur Spa Antonio Rosati.

Memoria, Rosati (Eur Spa): “Lasciare messaggio di tolleranza ai nostri figli”

“Volevamo ricordare anche noi questa giornata in un quartiere nato in un periodo oscuro, sotto il fascismo. Per noi è una sorta di nemesi storica. Ringrazio Ruth Dureghello e tutta la Comunità ebraica, perché questa è una delle sfide più complesse per le nostre società: ovvero lasciare una radice di memoria su un orrore, il più grande del novecento, per i nostri figli e continuare a parlare con intelligenza affinchè quell’orrore non ritorni mai più. Un quartiere bello per persone belle, cercando di capire che solo con la convivenza, la tolleranza, il dialogo e la pazienza una società progredisce”. Così l’Amministratore delegato di Eur Spa, Antonio Rosati, a margine della presentazione del videomapping monumentale proiettato sul Palazzo dei Congressi dell’Eur in omaggio alle vittime della Shoah nel Giorno della Memoria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»