Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino, scontro tra Ue e AstraZeneca: “Rispetti gli accordi”

vaccino astrazeneca
Il Ceo di AstraZeneca Pascal Soriot ha affermato: "L'azienda non ha alcun obbligo contrattuale di fornire vaccini all'Ue ma solo buona volontà di farlo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Fonti europee confermano che AstraZeneca rifiuta di partecipare all’incontro previsto per oggi con i rappresentanti Ue, dopo che questi hanno chiesto più trasparenza in merito all’inadempienza del produttore sulla quantità concordata di vaccini da distribuire.

LEGGI ANCHE: Covid, l’Agenzia europea del farmaco: su Astrazeneca decideremo entro il weekend

Proprio ieri sera il Ceo di AstraZeneca Pascal Soriot ha affermato in un’intervista riportata dalla testata Politico che “L’azienda non ha alcun obbligo contrattuale di fornire vaccini all’Ue ma solo buona volontà di farlo”.

KYRIAKIDES (UE): ASTRAZENECA RISPETTI GLI ACCORDI

“I membri di tutti gli Stati europei si sono detti insoddisfatti a causa delle spiegazioni insufficienti da parte di AstraZeneca. L’azienda deve rispettare ciò che ha promesso”: queste le parole della commissaria per la Salute dell’Ue, Stella Kyriakides.

Secondo Kyriakides, intervenuta in conferenza stampa a Bruxelles, AstraZeneca ha una responsabilità sociale, morale ma soprattutto contrattuale con la Commissione europea.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»