Giornata Memoria, Casellati: “Genocidio male universale, non potrà mai essere dimenticato”

"Il ricordo è l'unica via per vincere il buio dell'indifferenza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi è la Giornata della Memoria, la ricorrenza che ogni anno ci consente di onorare le vittime della Shoah. Desidero quindi rivolgere a nome mio personale e di tutto il Senato un sincero pensiero di vicinanza e di amicizia alla comunita’ ebraica italiana e internazionale”. Lo dice la presidente del Senato Elisabetta Casellati. “76 anni fa- aggiunge- l’apertura dei cancelli di Auschwitz ha svelato al mondo l’orrore dello sterminio ebraico. Il dolore del genocidio e’ ancora vivo in noi. Perche’ quel male, inferto a donne e uomini senza colpa, e’ un male universale, che non potra’ mai essere dimenticato. Il ricordo è l’unica via per vincere il buio dell’indifferenza. Solo la memoria puo’ renderci davvero consapevoli. Consapevoli del passato e consapevoli del futuro che vogliamo”. “Conoscere la storia non basta- prosegue la presidente-. È necessario comprenderla, capirla, sentirla nella sua terrificante realta’. Solo cosi’ il ricordo di cio’ che e’ stato diventa ispirazione per vincere l’indifferenza, per non voltarsi mai dall’altra parte, per battersi sempre e comunque in difesa del bene supremo della vita e della dignita’ umana. La liberta’, la democrazia, l’uguaglianza, sono il lascito che la Shoah ci ha affidato. Sono una eredita’ che va coltivata ogni giorno, lottando contro le tante insidie esistenti, costruendo solidi antidoti contro i germi della discriminazione, della violenza, della sopraffazione”. Ciascuno di noi, dice ancora Casellati, “puo’ fare molto perche’ il ricordo diventi la nostra coscienza collettiva e perche’ quella coscienza ci renda sempre vigili interpreti dell’oggi. Questo e’ il compito che la Giornata della Memoria ci affida, e sono certa che specialmente i giovani sapranno essere i nostri migliori testimoni di pace”.

LEGGI ANCHE: “Quel giorno ho capito che non avrei mai potuto uccidere”, ricordo di Segre

Un asteroide dedicato a Liliana Segre

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»