Chi è Jole Santelli: la prima donna presidente della Calabria dal 1970

Avvocata, classe '68. Attualmente è deputata eletta nella lista di Forza Italia, partito all'interno del quale milita dal 1994
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

LAMEZIA TERME – Jole Santelli, a capo di una coalizione di centrodestra, è il sedicesimo presidente della giunta regionale della Calabria, la prima donna a ricoprire questa carica dal 1970. Il primo fu il democristiano Antonio Guarasci, l’ultimo il democratico Mario Gerardo Oliverio.

Santelli è un’avvocata, nata a Cosenza il 28 dicembre del 1968, attualmente è deputata eletta nella lista di Forza Italia, partito all’interno del quale milita dal 1994. Dopo essersi laureata a Roma, a La Sapienza, in diritto e procedura penale ha iniziato la pratica forense in alcuni studi romani. Nel 1996 ha iniziato a collaborare con l’ufficio legislativo del gruppo di Forza Italia al Senato, per poi passare a quello della Camera nel 1998; dal 2000 ha coordinato il dipartimento giustizia del partito azzurro diventando assistente parlamentare di Marcello Pera.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Regionali, in Calabria Santelli festeggia con tarantella e Alan Sorrenti

La prima esperienza parlamentare è nel 2001, anno in cui è stata eletta nella circoscrizione Calabria e, successivamente, nominata sottosegretario di Stato al ministero della Giustizia (fino al 2006) nel secondo e terzo governo guidato da Silvio Berlusconi.

Da maggio a dicembre 2013 è stata sottosegretario al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali nel governo a guida Enrico Letta.

Nella sua esperienza politica è stata anche vicesindaco di Cosenza, carica che ha rivestito fino allo scorso dicembre.

Ad oggi è anche coordinatore regionale della Calabria di Forza Italia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»