Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giornata della Memoria, Grasso: “I ragazzi ascoltino i sopravvissuti, mai cedere all’odio”

L'invito ai più giovani: "Leggete, approfondite, ascoltate i pochi che possono ancora raccontare quell’epoca buia con la loro voce"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presiente del Senato Pietro Grasso affida a facebook il suo messaggio per la Giornata della Memoria. Ecco le sue parole.

“Solo un attimo. Ne basta uno per percepire l’enormità dilaniante dell’orrore di Auschwitz, ciò che è stato. Privare altri esseri umani di tutto, anche del proprio nome, in ragione di una presunta superiorità razziale; ridurli a rifiuti da smaltire, considerarli pezzi di un’industria della morte. Ucciderli ben prima di averlo fatto veramente– scrive Grasso-. La Shoah è rimasta tatuata sulla pelle di chi sopravvisse ai campi di sterminio e su quella di un’Europa che non deve e non può dimenticare. Il male bisogna saperlo riconoscere in tempo per poterlo combattere. Voltare le spalle alla storia significa non comprendere il presente ed essere incapaci di progettare un futuro migliore. Ragazzi, soprattutto voi, fate tesoro di ciò che è stato: leggete, approfondite, ascoltate i pochi che possono ancora raccontare quell’epoca buia con la loro voce. Imparerete che mai, mai, dobbiamo cedere all’odio, al razzismo e all’intolleranza. Mai più.”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»