Accordo Pd, Lega e Forza Italia sulle unioni civili. Slitta al 2 febbraio il voto sulle pregiudiziali

ROMA - Accordo in capigruppo al Senato tra Pd,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

unioni civiliROMA – Accordo in capigruppo al Senato tra Pd, Lega e Forza Italia per “un dibattito congruo” sul ddl Cirinnà sulle unioni civili che porta il Carroccio a ritirare, in maniera drastica, i 5 mila emendamenti depositati in aula. Il capogruppo della Lega, Gian Marco Centinaio, ha pero’ chiesto che il voto sulle pregiudiziali di costituzionalità e sulle questioni sospensive slitti da giovedi’ 28 gennaio a martedi’ 2 perchè i parlamentari leghisti il 28 saranno a Milano per un incontro con il Front National di Marine Le Pen. Giovedi’ 28 ci sarà solo l’illustrazione e la discussione sulle pregiudiziali, che saranno votate il 2 febbraio alle 16.30.

Il Pd, aggiunge Centinaio, in cambio del ritiro dei nostri emendamenti, ritirerà l’emendamento di Andrea Marcucci, cosiddetto super-canguro. “Ho parlato con Marcucci- sottolinea il capogruppo Lega- quando io mettero’ per iscritto il numero di emendamenti ritirati, che sarà congruo, lui ritirerà l’emendamento premissivo all’articolo 1 del ddl Cirinnà e nessuno lo farà proprio perchè abbiamo fatto un patto tra gentiluomini, tra noi capigruppo. Anche se pero’, visto che renzi non è un gentiluomo, con lui non si sa mai”. Nessuna data è stata invece stabilita per il voto finale sul ddl.

Il capogruppo della Lega Gian Marco Centiaio esulta: “Sono molto soddisfatto. Tutte le richieste della Lega sono state accolte. Noi ci impegnamo a ritirare gli emendamenti. Poichè i nostri sono 5 mila e mi occorre un po’ di tempo per capire quale mantenere. Ma ne taglieremo un numero cospicuo”. La capigruppo, oltre a non aver stabilito la data del voto finale sulle unioni civili per il passaggio alla Camera, non ha stabilito nemmeno quando inizierà il voto sugli emendamenti.

“La prossima settimana sarà dedicata alla discussione generale- continua Centinaio- poi vedremo. So che il Pd vorrebbe approvare la legge al Senato entro l’11 febbraio ma non è stato detto in capigruppo”.

Maurizio Gasparri (Forza Italia) aggiunge: “Non è stato stabilito un inizio per le votazioni, ne’ una data per la fine. Diciamo quindi che non ci sarà ostruzionismo da parte delle opposizioni perchè non c’è stata la ghigliottina”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»