Farmaci, Aifa: “Cresce la spesa farmaceutica nazionale”. La causa? “La tendenza generale dell’invecchiamento della popolazione”

Nei primi nove mesi del 2015 la spesa farmaceutica nazionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FarmaciaNei primi nove mesi del 2015 la spesa farmaceutica nazionale totale (pubblica e privata) è stata pari a 21,3 miliardi di euro, di cui il 76,5% è stato rimborsato dal Ssn. La spesa farmaceutica territoriale pubblica, quindi, si è attestata a quota 9.727 milioni di euro (circa 159 euro pro capite), con un aumento del +9,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sono alcuni dati contenuti all’interno del rapporto sull’uso dei farmaci pubblicato oggi dall’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), che descrive l’utilizzo dei medicinali in Italia a livello nazionale e regionale.

Tale aumento, spiega il rapporto, è dovuto “principalmente alla crescita del +37,4% della spesa per medicinali di classe A erogati in distribuzione diretta e per conto per l’erogazione attraverso questo canale dei farmaci più costosi; la spesa farmaceutica convenzionata ha, invece, registrato un lieve calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”. Gli italiani, fa sapere ancora Aifa, hanno consumato “1.041,1 dosi ogni mille abitanti in regime di assistenza convenzionata, con un lieve incremento rispetto all’anno precedente (+0,5%)”. Conclude il rapporto: “I consumi crescenti sono in linea con la tendenza generale dell’invecchiamento della popolazione e della cronicizzazione delle patologie“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»