Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nel week end maltempo al centro e sud Italia, allerta rossa in Calabria

maltempo_roma_tevere
Allerta arancione su settori di Calabria, Basilicata, Campania e su gran parte della Puglia e allerta gialla su gran parte dell’Italia centro-meridionale e su Sicilia e Sardegna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il maltempo non dà tregua e nella giornata di oggi la situazione tenderà a peggiorare. Una vasta area depressionaria di origine atlantica sta infatti convogliando un flusso di correnti sud-occidentali umide ed instabili verso la nostra penisola determinando una fase di maltempo, con precipitazioni diffuse specie a ridosso delle aree tirreniche centro-meridionali, associate a venti occidentali in graduale rinforzo.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.

Nella giornata di venerdì 26 novembre si prevedono venti di burrasca sud-occidentali, su Sicilia, specie sui rilievi settentrionali, Calabria, Basilicata e Puglia. Tali fenomeni si estenderanno dal pomeriggio a Molise, Abruzzo e Lazio, con raffiche di burrasca forte sui settori costieri tirrenici e appenninici. Saranno possibili mareggiate lungo le coste tirreniche esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata odierna allerta rossa su parte della Calabria, allerta arancione su settori di Calabria, Basilicata, Campania e su gran parte della Puglia e allerta gialla su gran parte dell’Italia centro-meridionale e su Sicilia e Sardegna

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

IN CAMPANIA ALLERTA ARANCIONE

 La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo per piogge e temporali che proroga e amplia quello attualmente in vigore di livello Arancione. Dalle 18 di oggi, venerdì 26 novembre, fino alle 18 di domani, sabato 27 novembre sarà allerta Arancione sulle zone Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; costiera Sorrentino-Amalfitana, monti di Sarno e monti Picentini; Fisciano e Alto Sele; Piana Sele e Alto Cilento e Basso Cilento dove si prevedono “precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio e temporale, puntualmente di moderata o forte intensità.

Venti forti sud-occidentali con possibili raffiche nei temporali. Mare agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte”. Temporali anche forti che potrebbero dare luogo ad un dissesto idrogeologico diffuso anche con instabilità di versante, anche profonda, frane e colate rapide di fango. Sul resto della regione permane lo stato di allerta Gialla con precipitazioni sparse, rovesci e temporali, anche intensi, associati a raffiche di vento. Tra i rischi connessi al dissesto idrogeologico, oltre alle frane e alle colate rapide di fango, sono possibili esondazioni, allagamenti dei locali interrati, problemi connessi al rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche, ruscellamenti.

La Protezione Civile raccomanda attenzione per la “corretta tenuta del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti: sono possibili la caduta di rami o alberi e danni alle coperture o strutture provvisorie nonché alle zone costiere per le mareggiate”. La Sala operativa e il Centro Funzionale seguiranno costantemente l’evoluzione dei fenomeni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»