A Napoli lutto cittadino nel giorno dei funerali di Maradona

Il calciatore argentino, dal 2017 cittadino onorario di Napoli, ha indossato la maglia azzurra per sette anni, vincendo due scudetti, una Coppa Italia ed una Coppa Uefa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il Comune di Napoli proclamerà il lutto cittadino per il giorno delle esequie di Diego Armando Maradona, “il miglior interprete del calcio mondiale che è entrato a far parte della storia e del patrimonio di Napoli, con cui si è creato un legame indissolubile, unendosi al dolore dei familiari e dell’intero popolo napoletano”. Questo quanto riportato nell’ordinanza firmata oggi dal primo cittadino Luigi de Magistris in cui si dispone che l’esposizione delle bandiere a mezz’asta negli edifici comunali permanga “anche per le ventiquattr’ore successive alle esequie”.

LEGGI ANCHE: Il San Paolo di Napoli diventa lo stadio Diego Armando Maradona

L’amministrazione comunale ha previsto il lutto cittadino riconoscendo che “l’intera comunità cittadina è rimasta profondamente turbata da questa improvvisa scomparsa, a seguito della quale la città di Napoli perde uno dei figli che maggiormente le ha dato onore e prestigio sul palcoscenico internazionale. Maradona – si legge ancora nell’ordinanza – è amato e ricordato anche da chi non è appassionato di calcio o da quanti, nati dopo le sue leggendarie imprese calcistiche, non hanno vissuto gli anni dei suoi successi” Il calciatore, morto ieri all’età di 60 anni in Argentina, ha indossato la maglia azzurra per sette anni, vincendo due scudetti, una Coppa Italia ed una Coppa Uefa. Dal 2017 è cittadino onorario di Napoli.

LEGGI ANCHE: 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»