Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Maradona, il murale con Gramsci diventa un tributo: ‘Hasta siempre Diego’

Jorit, impegnato a Firenze, srotola lo striscione: "È morto il mio eroe"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GRAMSCI_MARADONAFIRENZE – Anche (un) Gramsci per il saluto-tributo a Maradona. Da Firenze a Napoli. In mezzo, Jorit, impegnato nel capoluogo toscano a raffigurare il fondatore del partito Comunista su un palazzo di case popolari in via Canova.
È da qui che l’artista dei volti ritratti in maxi murales saluta ‘El Diez‘, dopo che ieri nella città partenopea ‘il suo’ Maradona è diventato una sorta di santuario laico. “Hasta siempre Diego”, ha scritto in un maxi striscione srotolato e fissato sul murales dedicato ad Antonio Gramsci. “E’ morto il mio eroe”, ha anche aggiunto sui suoi canali social, pubblicando la foto dell’opera realizzata a Napoli, in palazzo di San Giovanni a Teduccio. “Il calciatore che ha riscattato il mio popolo. L’uomo che in campo e fuori non ha mai avuto paura di mettersi da solo contro i ‘grandi’”.

LEGGI ANCHE: Stasera in prima visione tv ‘Diego Maradona’, il documentario dedicato al grande calciatore

Divino e mortale, quanto dolore per Maradona nelle prime pagine di tutto il mondo

Maradona, una città senza (un) dio: l’atto di dolore della ‘sua’ Napoli

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»