Su Rai 3 in prima visione tv ‘Diego Maradona’, il documentario dedicato al grande calciatore

Diretto da Asif Kapadia, ripercorre gli anni napoletani del grande calciatore morto ieri in Argentina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il giorno dopo la morte di quello che è considerato da molti il più grande calciatore di tutti i tempi, su Rai 3, in prima visione tv, arriva il documentarioDiego Maradona‘ di Asif Kapadia. Ad introdurre il film, che renderà omaggio al ‘Pibe de Oro’, sarà Massimo Ranieri (ore 21.20). Il documentario, in onda stasera, giovedì 26 novembre, alle 21.30, ripercorre la carriera del grande calciatore raccontando i suoi anni a Napoli. Un periodo di trionfi ma anche di cadute sul piano personale, in cui il suo estro e talento lo hanno trasformato in una figura leggendaria, inarrestabile sul campo, con due scudetti, una Coppa Italia, una Coppa Uefa, e la Coppa del Mondo in Messico nel 1986.

LEGGI ANCHE: Divino e mortale, quanto dolore per Maradona nelle prime pagine di tutto il mondo

Maradona, lo striscione davanti al Maschio Angioino: “Rappresenti la città che mai ti dimenticherà D10S”

FOTO | Staffetta notturna allo stadio San Paolo, bandiera col volto di Maradona sventola senza sosta

Il film, che si avvale del contributo di filmati selezionati tra più di 500 ore di video (in parte inediti), segue la sua parabola e scruta da vicino il corpo e l’anima di un campione amato dal mondo intero, celebrando sia il mito intramontabile che l’uomo controverso. Il programma di Massimo Ranieri “Qui e adesso”, che era previsto per questa sera andrà in onda a partire da giovedì 3 dicembre, in prima serata su Rai3.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»