Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il centro commerciale Maximo può aprire: c’è l’ok del Campidoglio

È quanto fa sapere lo stesso Comune di Roma con una nota
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tutela dell’interesse pubblico, garanzia del completamento delle opere pubbliche e salvaguardia di 2.500 posti di lavoro. È il risultato ottenuto dal Campidoglio grazie al lavoro degli Assessorati coinvolti, delle Commissioni capitoline, dell’Aula e degli uffici: un dialogo necessario per definire i vincoli e gli impegni che permettono di tutelare l’interesse pubblico e allo stesso tempo garantire l’apertura del nuovo centro commerciale Maximo all’interno del Piano di Recupero Urbano Laurentino“. E’ quanto fa sapere lo stesso Comune di Roma con una nota. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | FOTO | Guerra tra centri commerciali, Euroma2: “Maximo non può aprire”

“L’Assemblea capitolina ha approvato una mozione con cui, a valle degli impegni assunti dai proponenti, dà il via libera all’apertura del Centro Commerciale nel rispetto dei vincoli convenzionali e delle opere pubbliche da completare- si legge- la piazza civica e il parcheggio oggi realizzati solo in parte. Inoltre saranno realizzate nuove opere pubbliche, per un importo di 2 milioni di euro e da individuare attraverso il confronto con il territorio, per meglio garantire l’accessibilità ciclopedonale dell’area e integrare l’intervento con il quartiere vicino”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»