Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sardine in Puglia, scelta Taranto per il prossimo flash mob

Per gli organizzatori la città è il simbolo di tutto il Paese, attraversato dal ricatto del lavoro e dai conseguenti drammi sociali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Gli hashtag che accompagneranno il primo flash mob pugliese del movimento delle sardine sono due: #laPuglianonsilega e #Tarantononsilega. Il primo raduno in regione si terrà infatti nel capoluogo ionico domenica prossima dalle 10 in piazza Immacolata.

L’annuncio è stato dato dai gruppi “Sardine tarantine” e “Sardine in Puglia”. “Abbiamo difeso con tutto il nostro impegno la scelta che i flash mob pugliesi si aprissero simbolicamente a Taranto rispetto ad altre opzioni sul tavolo, perché l’abbiamo ritenuta un simbolo di tutto il Paese, attraversato dal ricatto del lavoro e dai conseguenti drammi sociali”, spiega Angelofabio Attolico, co-amministratore del gruppo nato sui social.

Nel messaggio si chiarisce che “nessuna bandiera, nessun partito, nessuno slogan offensivo” saranno ammessi ma solo “la voglia di manifestare pacificamente in nome di una politica più seria e vera, lontana da parole di odio, razzismo e fake news”. Alla manifestazione pugliese dovrebbe partecipare Mattia Sartori, ideatore del movimento. Il flash mob si terrà in contemporanea alla assemblea provinciale della Lega a cui parteciperà il vicesegretario federale, Andrea Crippa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»