Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Palermo, dal M5s mozione di sfiducia al sindaco Orlando

Ad annunciarlo in aula, nel corso di una seduta del consiglio comunale, è stata Concetta Amella, capogruppo pentastellata a Sala delle Lapidi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, è stata preparata e sottoscritta dai tre consiglieri comunali del Movimento cinque stelle. Ad annunciarlo in aula, nel corso di una seduta del consiglio comunale, è stata Concetta Amella, capogruppo pentastellata a Sala delle Lapidi.

Per depositare la mozione e calendarizzarne la discussione sono necessarie almeno 16 firme, su un totale di 40 consiglieri comunali, mentre per l’approvazione del documento servono 27 voti.

“A metà mandato – si legge nel documento scritto dai Cinquestelle Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo – assistiamo quotidianamente a una situazione di grave instabilità, a una evidente crisi politica rappresentata plasticamente dalla costituzione di nuovi gruppo politici a Sala delle Lapidi proprio in seno alla stessa maggioranza, inesistenti al momento delle elezioni del 2017. Emerge chiaramente – sostiene il movimento – l’inefficacia e l’inefficienza dell’azione amministrativa del sindaco, incapace di compattare la sua maggioranza, disgregata da continui dissidi interni e con gli esponenti della sua giunta, su alcune vicende fondamentali per Palermo, quali la Ztl, le pedonalizzazioni, il Regolamento sui rifiuti e Regolamento sull’inclusione sociale, dove il Comune di Palermo rischia di perdere svariati milioni di euro del fondo previsto dal Pon inclusione”.

Un quadro che secondo i pentastellati di Palazzo delle Aquile “si è fatto via via sempre più grave”, con il sindaco – si legge ancora – che raramente si è rivolto al consiglio comunale scavando un solco sempre più profondo con l’organo consiliare”. Diverse le motivazioni “di carattere politico” presentate a sostegno della sfiducia: la situazione economica “difficile” in cui versa il Comune, che secondo il Movimento cinque stelle “si avvia sempre più verso il dissesto”; la gestione dei rifiuti vista come “uno degli elementi indicativi del fallimento dell’Amministrazione”; il settore dei lavori pubblici “fermo” e la “clamorosa vicenda del Parco Ninni Cassarà, chiuso ormai da oltre 5 anni”. E ancora: la vicenda della Partecipata del Comune Reset, con “le gravi lacune – scrivono i consiglieri M5s – e le mancate modifiche statutarie che mettono a rischio il futuro di 1.500 lavoratori; la “gravissima emergenza abitativa” che “coinvolge più di duemila nuclei familiari”; la “mancata lotta al randagismo” e il “mancato rispetto della democrazia partecipata”. Secondo il M5s, quindi, “la città non può continuare a pagare le conseguenze di questa condotta cieca, sorda e stolta” e “continuare questo percorso – sostengono i pentastellati – equivarrebbe ad accanirsi con i cittadini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»