VIDEO | Longo (Ucbm Roma): “Protesi navigate per ricostruzione chirurgica della spalla”

"Non sottovalutare i sintomi e ricorrere al consulto dello specialista"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/XQQ2D4ZtCM0

ROMA – Il dolore alla spalla è un problema molto diffuso che affligge un gran numero di italiani almeno una volta nella vita, anche senza arrivare a una lesione o a una frattura. Le patologie che interessano questa articolazione delicata e complessa sono molto diverse. Per conoscere quelle più diffuse e quali sono i sintomi più gravi che devono spingere il paziente a rivolgersi allo specialista, l’agenzia di stampa Dire ha chiesto aiuto al professor Umile Giuseppe Longo, ortopedico del Campus Bio-Medico di Roma.

– Quali sono le patologie più comuni che interessano la spalla? E che incidenza si registra nella popolazione?

“Le patologie che interessano il distretto della spalla sono sicuramente l’artrosi, le lesioni delle cuffie dei rotatori e le lussazioni. Per quanto riguarda l’artrosi l’incidenza è alta poiché si tratta di un processo cronico degenerativo a larga diffusione tra la popolazione soprattutto di lavoratori, così come le lesioni della cuffia dei rotatori che riguardano piuttosto gli sportivi”.

– Quando una sintomatologia acuta deve spingere il paziente a rivolgersi allo specialista?

“La perdita della capacità di svolgere le normali attività quotidiane è la prima cosa. Il paziente insomma non riesce nemmeno ad alzare la spalla, a vestirsi e a cucinare. Un’altra caratteristica è il dolore notturno. Ma anche la spalla ‘instabile’, quando il paziente avverte la fuoriuscita, tanto che a volte è necessario recarsi al Pronto soccorso”.

– Quando si ricorre all’intervento chirurgico e quali sono le tecniche chirurgiche di ricostruzione della spalla utilizzate al Campus Bio-Medico?

“Per quanto riguarda l’artrosi l’intervento di protesi viene procrastinato il più possibile, fin quando i sintomi non si rivelano davvero gravi. La grossa innovazione in questo ambito è invece l’utilizzo di protesi navigate che permettono di lavorare in accuratezza durante il posizionamento delle componenti protesiche. Per quanto riguarda il trattamento delle lesioni della cuffia dei rotatori si interviene, in modo tempestivo, quando il tendine è staccato dalla sua inserzione presente sull’osso. Il tendine se lasciato ‘staccato’ dalla sua sede naturale subisce una degenerazione e quando si esegue tardivamente l’intervento non otteniamo gli stessi risultati. Per quanto riguarda le lussazioni, dopo il secondo episodio, è sempre indicato il trattamento chirurgico per evitare il danno alle cartilagini e alle articolazioni. La grande novità in questo campo è il trapianto di osso in artroscopia. Si tratta dunque di un trapianto extracapsulare che mette al riparo il paziente dall’insorgere di una possibile artrosi che è la complicanza più temibile. Tutti questi interventi vengono realizzati di routine presso il Policlinico universitario Campus Bio-Medico di Roma diretta dal professor Rocco Papalia e sotto la guida del nostro maestro il professor Enzo Denaro”.

– Dopo una operazione è sempre indicata una sessione di riabilitazione e quali sono i tempi di recupero?

“La fisioterapia rappresenta una parte fondamentale di un buon processo di recupero. A volte al paziente viene consigliata la fisioterapia prima dell’operazione al fine di condizionare al meglio gli esiti. In ogni caso è sempre bene fare riabilitazione, che si diversifica in base agli obiettivi e alla chirurgia alla quale il paziente è stato sottoposto. Ad esempio a seguito di chirurgia di sostituzione protesica, dove non è necessaria una guarigione biologica del tendine o dei legamenti, la riabilitazione può iniziare il secondo giorno dopo l’operazione. Mentre se il legamento viene attaccato all’osso, mediante chirurgia, prima di iniziare la sessione riabilitativa dobbiamo attendere il tempo biologico che si formi la cicatrice”.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»