Colosseo, oggi senza centurioni e risciò: “Come lo vide Obama”

Roma si sveglia senza 'gladiatori'. Mostrare a tutti i turisti e i cittadini il Colosseo "come l'aveva visto Obama" mesi fa nella sua visita di Stato in Italia era il sogno dell'ex sindaco chirurgo Ignazio Marino.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

centurione1Roma si sveglia senza ‘gladiatori’. Mostrare a tutti i turisti e i cittadini il Colosseo “come l’aveva visto Obama” mesi fa nella sua visita di Stato in Italia era il sogno dell’ex sindaco chirurgo Ignazio Marino. A riuscirci e’ stato pero’ il commissario straordinario del Campidoglio, Francesco Paolo Tronca. Con le ordinanze firmate ieri sera il commissario ha spazzato via in un colpo solo dal Centro storico i finti soldati romani, i procacciatori di turisti e i riscio’ che erano comparsi negli ultimi mesi, completando la ‘liberazione’ dell’area monumentale dopo la cacciata dei camion bar disposta dalla passata amministrazione: con il risultato che, almeno per il momento, l’Anfiteatro Flavio e i Fori Imperiali sono tutti per i visitatori, salvo qualche indomito ambulante venditore di ombrelli incoraggiato dalla pioggia di stamattina.

Gli agenti della Polizia locale presidiano la zona, dove da qualche giorno la sorveglianza era gia’ stata aumentata con l’allerta terrorismo, mentre turisti stranieri e italiani affollano la piazza del Colosseo e i Fori nonostante il clima quasi invernale.

“Di centurioni non se ne sono visti oggi”, spiegano due vigili. In realta’ qualcuno ci ha provato, ma dopo aver preso la multa si e’ allontanato vista l’ingente presenza di forze dell’ordine, esercito e Guardia di finanza compresi. Molti centurioni, come si vede nelle foto allegate, sono stati avvistati nei vagoni della metro. Diversi i riscio’ sequestrati dai vigili urbani.

di Mirko Gabriele Narducci – giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»