Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Valente (Pd) presenta giovedì in Senato il ddl sulla tutela dei minori nell’affido

Il disegno di legge introduce una modifica al codice civile nel contesto della Convenzione di Istanbul, disponendo nuove norme in caso di violenza di genere o domestica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Evitare il ripetersi di delitti efferati come quello di Federico Barakat, ucciso nel 2009 a 9 anni dal padre, poi suicida, nel corso di un incontro che avrebbe dovuto essere protetto in una Asl milanese. È questo l’obiettivo del disegno a prima firma di Valeria Valente (Pd), presidente della Commissione di inchiesta sul femminicidio e la violenza di genere, che verrà illustrato in Senato, giovedì 28 ottobre, nel corso di una conferenza stampa.

Il disegno di legge introduce una modifica al codice civile nel contesto della Convenzione di Istanbul, disponendo nuove norme in materia di provvedimenti riguardanti i figli in caso di violenza di genere o domestica. All’incontro, che si terrà nella Sala Nassirya alle ore 12, parteciperanno: la senatrice Valeria Valente; Antonella Penati, mamma di Federico e presidente dell’associazione “Federico nel cuore”; l’avvocato Federico Sinicato; l’avvocata Giulia Potenza, responsabile nazionale Unione donne italiane (Udi). La conferenza stampa sarà trasmessa sulla web tv e sul canale youtube del Senato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»