Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Capitale italiana della Cultura 2024: ecco le città in gara

procida capitale cultura 2022
Sono ventitre. Entro il 18 gennaio 2022, la commissione esaminerà le candidature e selezionerà i 10 progetti finalisti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Capitale italiana della Cultura 2024, sono 23 le città che hanno presentato il dossier di candidatura comprensivo di titolo, progetto culturale, organo responsabile del progetto, valutazione di sostenibilità economico-finanziaria e obiettivi perseguiti. Le candidature saranno valutate da una commissione composta da 7 esperti del mondo della Cultura, delle arti, della valorizzazione territoriale e turistica, che sarà istituita a breve con decreto del Ministro. Entro il 18 gennaio 2022, la commissione esaminerà le candidature e selezionerà i 10 progetti finalisti che saranno invitati a delle audizioni pubbliche che si svolgeranno presso la sede del Ministero della Cultura entro il 1° marzo 2022. Le città finaliste avranno a disposizione trenta minuti per presentare la propria candidatura, seguita da una sessione di ulteriori trenta minuti per le domande della commissione. Entro il 15 marzo 2022, la commissione proporrà al Ministro della Cultura la candidatura ritenuta più idonea a essere insignita del titolo di Capitale italiana della Cultura per l’anno 2024.

CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2024, LE 23 FINALISTE E I DOSSIER

1. Ala (Trento) – Ala. La cultura che avvolge

2. Aliano (Matera) – Aliano sguardi oltre confine

3. Ascoli Piceno – La cultura muove le montagne

4. Asolo (Treviso) – Asolo 2024 Capitale italiana della cultura 

5. Burgio (Agrigento) – Ubertosissima civitas: Burgio città della ceramica e delle campane

6. Capistrano (Vibo Valentia) – Capistrano, la cultura ci ripopola

7. Chioggia (Venezia) – Chioggia, sale di cultura 

8. Conversano con l’Area metropolitana di Bari (Bari) – Conversano 2024. Una nuova dimensione della cultura 

9. Diamante (Cosenza) – Diamante 2024. La Storia ha un futuro brillante

10. Gioia dei Marsi (L’Aquila) – Il fiore tra le macerie

11. Grosseto – Grosseto 2024, naturalmente culturale

12. La Maddalena (Sassari) – La Maddalena Capitale italiana della cultura 2024

13. Mesagne (Brindisi) – Umana meraviglia

14. Pesaro (Pesaro e Urbino) – La natura della cultura 

15. Pordenone – Pordenone, la porta si apre

16. Saluzzo con le Terre del Monviso (Cuneo) – Saluzzo Monviso 2024. Una montagna di futuro

17. Sestri Levante con il Tigullio (Genova) – Atlante culturale del Tigullio. Includere e valorizzare secondo l’ispirazione “baudelairiana”: luxe, calme et volupté

18. Siracusa – Siracusa 2024. Città d’Acqua e di Luce

19. Unione Comuni Montani Amiata Grossetana (Grosseto) – Amiata 2024. Il respiro della cultura, la cultura respira

20. Unione Comuni Paestum-Alto Cilento (Salerno) – La cultura dell’Unione

21. Viareggio (Lucca) – Viareggio la cultura si sente

22. Vicenza – Vicenza 2024. La cultura è una bella invenzione

23. Vinci (Firenze) – Vinci 2024. cultura dell’impossibile.

La Capitale italiana della cultura è stata istituita nel 2014 e ha tra gli obiettivi quello di sostenere, incoraggiare e valorizzare l’autonoma capacità progettuale e attuativa delle città, affinché venga recepito in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione, la creatività, l’innovazione, la crescita e lo sviluppo economico. Il titolo di Capitale italiana della cultura è conferito per la durata di un anno e la città vincitrice riceverà un milione di euro. Negli anni precedenti il titolo è stato assegnato alle Città di Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna e Siena nel 2015; Mantova nel 2016; Pistoia nel 2017, Palermo nel 2018, Parma nel 2020 che è stata prorogata al 2021 dal Dl Rilancio. Lo stesso Decreto ha proclamato, in segno di solidarietà per le vittime della pandemia, Bergamo e Brescia Capitali italiane della cultura per il 2023. Nel 2022 la Capitale sarà Procida

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»