Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dalla Sicilia il ‘laboratorio’ dei moderati: Forza Italia e Italia Viva insieme alle prossime elezioni

L'intesa siglata dagli esponenti locali dei due partiti in vista delle amministrative di Palermo e delle Regionali: "Vogliamo fa prevalere i moderati e i centristi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Rafforzare l’ala moderata del centrodestra in Sicilia, controbilanciando le spinte sovraniste della coalizione. Forza Italia e Sicilia Futura Italia viva siglano ufficialmente l’accordo politico che da giorni campeggia sui media. A mettere idealmente nero su bianco i contorni dell’intesa sono stati il coordinatore di FI in Sicilia, Gianfranco Miccichè, e i deputati regionali renziani Edy Tamajo e Nicola D’Agostino.

Era importante chiudere questa intesa che riguarda soltanto la Sicilia – ha spiegato Miccichè ai cronisti presenti a Palazzo dei Normanni di Palermo -. Forza Italia sarà ora in condizione di raggiungere un risultato straordinario alle prossime Amministrative e alle Regionali del 2022. Abbiamo stretto una intesa con persone perbene e capaci”.

All’orizzonte il voto di Palermo (“avremo liste uniche”, ha assicurato Miccichè), più in là, quello per Palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione: “Siamo persone che per l’80% dei temi la pensano allo steso modo – ha aggiunto Miccichè -, e per il restante 20% vorrà dire che ci siederemo e troveremo una linea comune”.

Il capogruppo dei forzisti a Sala d’Ercole Tommaso Calderone, presente all’incontro con i giornalisti, ha parlato apertamente di un “laboratorio Sicilia che porterà a un grande risultato per le Amministrative”. Per D’Agostino “oggi inizia un processo di integrazione tra deputati e territori affinché – ha spiegato – alle prossime elezioni si partecipi con liste e battaglie comuni. Vogliamo far prevalere la componente moderata e centrista – ha continuato – evitando gli eccessi dei populisti e dei sovranisti”.

Sulla stessa linea Tamajo: “Un dialogo che va avanti da tempo e che oggi si concretizza – ha spiegato il deputato regionale palermitano -. Un accordo di valore e di valori. L’ultimo voto alle Amministrative ha dimostrato che la gente premia i moderati ed è per questo che è necessario rafforzare quest’area. Questo progetto – ha concluso Tamajo – ci vedrà vittoriosi sia a Palermo che alle Regionali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»