Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Consiglio regionale della Campania approva ordine del giorno per “supportare” la vertenza Whirlpool

La giunta si impegna a vigilare sull'esito positivo della vicenda industriale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – È stato approvato all’unanimità, dal Consiglio regionale della Campania, un ordine del giorno che impegna la giunta a “supportare” la vertenza Whirlpool, garantire il “massimo sostegno attraverso l’individuazione di strumenti e azioni idonee al fine di agevolare il passaggio dei lavoratori nel nuovo soggetto” e a “vigilare” sull’esito positivo della vicenda industriale. L’atto è stato illustrato all’aula dalla consigliera regionale del Pd Loredana Raia e formulato a seguito di un incontro avvenuto la scorsa settimana tra i lavoratori della Whirlpool, il presidente del Consiglio regionale Gennaro Oliviero e i capigruppo.

“L’atteggiamento dell’azienda, che insiste nel voler licenziare i lavoratori nonostante la vertenza sia a un passo dalla risoluzione, è inspiegabile – si legge nel documento approvato dal Consiglio – e ravvisa un accanimento nei confronti dei lavoratori di Napoli stante anche gli accordi presenti in Campania, che la impegnano ad accompagnare l’attuazione della riconversione tenendo in carico, fino ad assorbimento, i lavoratori di Caserta, nel nuovo soggetto individuato nel vecchio accordo del 2015. Tutto ciò, nonostante più volte avesse dichiarato al tavolo ministeriale di essere disponibile a cedere gli asset e ad accompagnare la transizione dei lavoratori da Whirpool al nuovo soggetto”. “Questa vertenza – ha aggiunto Gennaro Saiello (M5s) – rappresenta l’emblema delle tante aziende che si sono insediate sui territori, hanno preso fondi pubblici e, poi, inspiegabilmente, sono andate via. La Regione Campania deve impedire che ciò accada”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»