Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘È stata la mano di Dio‘ di Sorrentino rappresenterà l’Italia agli Oscar

è stata la mano di dio
Il film si è aggiudicato il Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria e il Premio Marcello Mastroianni all'ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per Paolo Sorrentino è in arrivo il secondo Oscar? È presto per dirlo, quel che è certo è che il regista napoletano è sulla buona strada. Il suo nuovo film ‘È stata la mano di Dio‘ è stato scelto dalla commissione selezionatrice dell’Anica per rappresentare l’Italia a Hollywood nella notte più importante del cinema. La pellicola, presentata all’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, è un’opera fortemente autobiografica che, mischiando elementi reali e fantasia, ripercorre gli anni giovanili di Sorrentino, nella tumultuosa Napoli degli Anni 80 in fermento per l’arrivo di Maradona, colui che, a suo modo, gli avrebbe salvato la vita.

LEGGI ANCHE: RECENSIONE ‘È STATA LA MANO DI DIO’ | Sorrentino: “A cinquant’anni mio dolore diventa film”

Il regista è infatti sopravvissuto alla morte dei genitori, avvenuta per avvelenamento da monossido di carbonio a causa di una fuga di gas, durante un soggiorno a Roccaraso, perché aveva deciso di restare a Napoli per andare a vedere il suo idolo calcistico allo stadio. All’epoca aveva 17 anni. Il regista ha ricordato il triste evento che ha segnato la sua vita (e che in parte ha determinato la sua scelta di diventare regista), durante il toccante discorso di ringraziamento per il Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria, assegnatogli alla Mostra del Cinema di Venezia.

LEGGI ANCHE: Sorrentino vince a Venezia: “Sono a mio agio nel mondo solo sono quando giro film”

È stata la mano di Dio‘ si è aggiudicato anche un altro importante riconoscimento della kermesse: il Premio Marcello Mastroianni, per il migliore giovane attore emergente, assegnato a Filippo Scotti, che nel film interpreta l’adolescente Fabietto (Filippo Scotti), alter ego del regista, in bilico tra un doloroso presente e un futuro nebuloso, ma carico di speranze. Il film ora dovrà concorrere per entrare nella shortlist delle quindici migliori pellicole internazionali selezionati dall’Academy, di cui il 21 dicembre 2021 verranno rivelati i nomi. Poi si passerà alla designazione dei 5 film che saranno i candidati ufficiali degli Oscar 2022. L’ annuncio delle nomination è previsto per l’8 febbraio 2022, mentre la cerimonia di consegna delle statuette avrà luogo il 27 marzo 2022 a Los Angeles. Il pubblico italiano potrà vedere ‘È stata la mano di Dio‘ nei cinema selezionati dal 24 novembre, mentre su Netflix sarà disponibile dal 15 dicembre 2021.

LEGGI ANCHE: I film di Venezia da non perdere e quando escono al cinema

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»