Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il ritorno del nibbio reale in Aspromonte, si era estinto nel secolo scorso

nibbio reale-min
Per favorire il ritorno della specie verranno liberati giovani individui nati in Basilicata, si fornirà alimentazione supplementare e si attueranno misure per prevenire il rischio di avvelenamento ed elettrocuzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – In pieno svolgimento al Parco nazionale dell’Aspromonte il progetto Live Milvus, dedicato alla conservazione del nibbio reale e cofinanziato dal programma LIFE dell’Unione Europea. Il progetto Live Milvus viene realizzato nel Parco nazionale dell’Aspromonte e in Corsica e coinvolge l’Ente Parco nazionale dell’Aspromonte, in qualità di coordinatore, l’associazione Cen Corse, E-Distribuzione e la Regione Calabria. Nel Parco nazionale dell’Aspromonte il progetto punta a reintrodurre il nibbio reale, che qui si era estinto nel secolo scorso, quando era anche quasi del tutto scomparso dal resto della Calabria. Per favorire il ritorno della specie verranno liberati giovani individui nati in Basilicata, si fornirà alimentazione supplementare in collaborazione con le aziende zootecniche e si attueranno misure per prevenire il rischio di avvelenamento ed elettrocuzione. Inoltre, verranno attuate campagne di informazione e di sensibilizzazione della popolazione.

Tutte le informazioni su questo progetto sono online nel sito dedicato www.lifemilvusproject.it che, con testi ed immagini, ne descrive obiettivi ed azioni e racconta molto di questo bellissimo rapace. Il sito web, disponibile in italiano, francese ed inglese, descrive le aree di progetto, la situazione della specie a livello italiano ed europeo così come le molte minacce che, purtroppo, la interessano un po’ ovunque nel suo areale di distribuzione, quasi esclusivamente europeo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»