L’Acquario di Genova è come un museo, e resta aperto

La struttura è aperta tutti i giorni, con accesso regolato in fasce contingentate ogni mezz'ora e previo possesso del biglietto con indicazione di giorno e ora della visita
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – L’Acquario di Genova e’ equiparabile a un museo e resta regolarmente aperto, alla luce delle disposizioni emanate dal nuovo decreto del presidente del Consiglio. In ottemperanza alla normativa nazionale, precisa Costa Edutainment, societa’ che gestisce la principale attrazione turistica del capoluogo ligure, la struttura e’ aperta tutti i giorni, con accesso regolato in fasce contingentate ogni mezz’ora e previo possesso del biglietto con indicazione di giorno e ora della visita. Per evitare code in biglietteria, si raccomanda l’acquisto dei titoli di ingresso attraverso il sito dell’Acquario. Prima di accedere, e’ necessario sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea e durante la visita e’ obbligatorio rispettare la segnaletica dedicata per favorire il giusto distanziamento sociale. Anche all’interno dell’Acquario vige l’obbligo di indossare la mascherina. Il percorso espositivo e’ interamente fruibile, ad eccezione della vasca tattile, della sala VR Gear e del giardino “Un battito d’ali.

L’Acquario di Genova e’ stata la prima struttura turistico-culturale al mondo a conseguire la “Biosafety trust certification“, ideata dal Rina con l’obiettivo di prevenire e controllare il propagarsi delle infezioni e per tutelare la salute delle persone nei luoghi di aggregazione pubblici e privati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»