Arrestato Jimmy Palma, il medico della Locride ricercato dagli Usa

Gestiva cliniche del dolore in cui dispensava illegalmente antidolorifici che contribuisono all'epidemia di oppioidi negli Stati Uniti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – È stato arrestato a Gerace (Reggio Calabria) Luigi A. Palma, noto anche come Jimmy Palma, ricercato dagli Stati Uniti con mandato di cattura internazionale con l’accusa di ‘pill mill’. L’uomo è stato fermato a bordo di un’auto ad un normale posto di blocco dei carabinieri della compagnia di Locri, con lui un uomo originario della locride.

Il Pill mill (mulino per pillole) negli Stati Uniti viene descritta come una struttura illegale che assomiglia a una normale clinica del dolore, dove si prescrivono regolarmente antidolorifici (narcotici) senza anamnesi, monitoraggio medico o documentazione. Le fabbriche di pillole contribuiscono all’epidemia di oppioidi negli Stati Uniti e sono oggetto di una serie di iniziative legislative a livello statale. Luigi Palma è un medico oculista di origine romane, trasferitosi per 25 anni in Florida. L’arresto è scattato dopo un approfondito controllo sullo stato di medico dichiarato da Palma al momento del controllo da parte dei carabinieri, sul quale pendeva un’ordinanza di applicazione della misura di custodia in carcere disposta dalla Corte d’Appello di Roma, riferita ad un decreto di estradizione verso gli Stati Uniti, emesso nel 2019.

L’accusa del dipartimento di Giustizia statunitense fa riferimento alla gestione, insieme ad un altro italiano e cinque possessori di carta verde, di cliniche per la cura del dolore dove venivano dispensati illegalmente antidolorifici: ossicodone, ossimorfone e morfina.

Palma al momento è stato trasferito al carcere di Locri, nel reggino.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»