Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Curva Sud dell’Olimpico, Malagò: “La soluzione è vicina”

"Mi risulta, mi dicono, che siamo abbastanza vicini al trovare la soluzione, però sono parecchie settimane che si dice e mi auguro che questo ci sia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Giovanni Malagò
G. Malagò

ROMA  – La soluzione alla vicenda dei tifosi della Roma e nello specifico della Curva Sud sarebbe “abbastanza vicina”. A spiegarlo il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partita di rugby tra Italia e Nuova Zelanda in programma allo stadio Olimpico il 12 novembre.

Sono diversi mesi ormai che lo stadio Olimpico è sempre meno popolato di tifosi, sia della Roma che della Lazio. Tra i motivi c’è sicuramente la scelta di aver messo delle barriere all’interno delle due curve, il cuore del tifo giallorosso, la Sud, e di quello biancoceleste, la Nord.

“Mi auguro che questa situazione si risolverà, non c’è futuro senza gli stadi pieni- ha detto Malagò- e questi devono essere una regola e non possono essere una eccezione. Abbiamo visto il fine settimana scorso gli stadi pieni, come al derby di Genova o a Milan-Juventus che è una partita di cartello. Questo strideva con le immagini (dell’Olimpico, ndr). Mi dispiace moltissimo, devono correre ai ripari. Nel caso specifico di Roma lo sappiamo che c’è un problema nel problema, legato alle prese di posizioni dei tifosi, anche se credo per motivi diversi. Il mio auspicio è che questo avvenga, ho un ruolo pubblico e non posso forzare e sarebbe oggettivamente sbagliato“.

Il presidente del Coni è però il primo a dire “che i tifosi della Roma devono tornare in Curva Sud e quelli della Lazio in Curva Nord“. Nello specifico per ciò che riguarda il discorso della curva della Roma “mi risulta, mi dicono, che siamo abbastanza vicini al trovare la soluzione, però sono parecchie settimane che si dice e mi auguro che questo ci sia. Se mi riferisco alle barriere? Non sono io a poterlo dire, però è un dato di fatto che al di là dei pochi spettatori che ci sono stati, che nelle ultime settimane non solo non c’è stato un incidente, ma non c’è stato un mezzo problema, sia dentro lo stadio che fuori. Nella vita come quando ti dimostri di essere serio e capace e perbene meriti anche di avere fiducia”.

di Adriano Gasperetti, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»