Treni, nuova ‘super’ sala operativa a Genova Teglia

Controlla 540 Km di traffico; è frutto di un investimento da 30 milioni di euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

treni2GENOVA – A Genova Teglia c’è una nuova sala operativa che gestisce e regola il traffico ferroviario su 540 chilometri di rete ligure. Il centro è operativo 24 ore al giorno e impiega 60 persone che, a turno, controllano in tempo reale il percorso dei treni in circa 100 stazioni sulle tratte regionali e del basso Piemonte (Sestri Levante-Genova-Ventimiglia, Genova-Arquata-Alessandria/Tortona, Genova-Ovada-Acqui/Alessandria, Savona-San Giuseppe di Cairo).

Da dicembre, nella sala confluirà anche il comando a distanza della linea raddoppiata Andora-Arma di Taggia realizzando così un unico sistema di supervisione e regolazione della circolazione dei treni regionali.

Da domenica è attivo anche il nuovo apparato centrale computerizzato di Genova Voltri, le cui funzioni di controllo e comando consentiranno di ottimizzare anche le operazioni di manovra dei treni merci da e per il porto di Voltri, sempre dalla nuova sala di Genova Teglia. L’investimento complessivo è di circa 30 milioni di euro.

La posizione del treno e il corretto funzionamento sono visualizzati sui monitor delle postazioni informatiche che riproducono schematicamente linea e stazioni. La diagnostica centralizzata consente di migliorare i processi di manutenzione, ridurre i tempi di intervento delle squadre tecniche in caso di guasti o anomalie e incrementare l’affidabilità dei sistemi di stazione (binari, scambi, segnali, linea di alimentazione elettrica dei treni).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»