Afghanistan, almeno 98 i morti per la violenta scossa di terremoto

ROMA - Sono 98 le persone che hanno perso la vita nel sisma che ha colpito l'Asia meridionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono 98 le persone che hanno perso la vita nel sisma che ha colpito l’Asia meridionale ieri, di magnitudo 7.5, come riferito da fonti ufficiali all’emittente araba Al-Jazeera. Un centinaio invece i feriti. Il terremoto ha avuto come epicentro Jarm, in Afghanistan, a 250 chilometri da Kabul, ma si è propagato con forza anche in India e soprattutto in Pakistan. Ovunque ha causato decine di morti e danni ingenti a case, strade e infrastrutture. Tuttavia le stime restano provvisorie, e si teme che nelle prossime ore aumenteranno. Elicotteri e unita’ di soccorso sono state predisposte in tutta la regione, come fanno sapere da New Delhi e Islamabad.

terremoto_afghanistan

Inoltre alcune fonti hanno riferito ad Al-Jazeera della morte di almeno 12 studentesse in una scuola in Afghanistan, nella provincia di Takhar. Un uomo intervistato sempre dall’emittente araba ha dichiarato: “Siamo salvi, ma ho visto molti edifici crollare”. Il sisma infatti “ha causato numerosi danni nella nostra zona, e adesso non ci resta che pregare”. In Pakistan, poi, un residente ha raccontato che la terra ha tremato “in modo crescente” e che la gente ora “e’ terrorizzata. Io non riesco neanche a raggiungere la mia famiglia, nel distretto di Malakand”, che si trova a 50 chilometri dal luogo in cui parla questo testimone. Il quale aggiunge che anche le linee del telefono sono ormai isolate.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»