Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il presidente Schengen Zoffili incontra Puigdemont: “Presto una sua audizione in Bicamerale”

ZOFFILI_puigdemont
L'approfondimento parlamentare della Bicamerale servirà soprattutto a chiarire se vi è stato un accanimento giuridico ad personam da parte della magistratura spagnola, riguardo all'arresto avvenuto in Sardegna dell'eurodeputato catalano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nella giornata di ieri ho incontrato ad Alghero l’eurodeputato ed ex Presidente della Generalit de Catalunya, Carles Puigdemont per esprimere la mia solidarietà e ascoltare di persona la sua ricostruzione degli eventi precedenti e successivi al suo arresto in Italia. Da Presidente del Comitato Bicamerale Schengen, Europol e immigrazione ho ricevuto la disponibilità dell’ex Presidente Puigdemont a partecipare a un’audizione presso la Bicamerale per approfondire quanto accaduto in una seduta che sarà calendarizzata al più presto. Così come ho personalmente seguito l’evolversi della vicenda fin dalle primissime ore, contattando da subito nella notte dell’arrivo in Sardegna il presidio della Polizia di frontiera dello scalo di Alghero, ora mi impegnerò a fare chiarezza”, ha dichiarato Eugenio Zoffili, presidente del Comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dell’accordo di Schengen, di vigilanza sull’attività di Europol e di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, deputato e Coordinatore regionale Lega Sardegna. “L’arresto di un europarlamentare in territorio italiano è un fatto grave, tanto più se per un reato – il reato di sedizione – del tutto estraneo all’ ordinamento delle democrazie europee. L’approfondimento parlamentare della Bicamerale servirà soprattutto a chiarire se vi è stato un accanimento giuridico ad personam da parte della magistratura spagnola, realizzato attraverso i meccanismi dell’Accordo di Schengen. Il sistema di sicurezza europeo è uno strumento per difendere i cittadini, non un espediente per vendette politiche”, ha concluso.

LEGGI ANCHE: Scarcerato l’ex presidente catalano Puigdemont, può lasciare l’Italia: udienza il 4 ottobre

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»