A Roma un 20enne si candida a sindaco: la sfida di Federico Lobuono a Virginia Raggi

Leader della neonata lista “La Giovane Roma”, Lobuono scende in pista e dice: "Non sono mai stato così serio e convinto di una mia scelta"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Venti anni, nativo di Bari, da cinque anni a Roma e da oggi, come recita il suo profilo Facebook, “il più giovane candidato sindaco per Roma Capitale nella storia della Repubblica Italiana“. Federico Lobuono tenta il passo della vita: “Ho deciso di lanciarmi in una nuova incredibile sfida: mi candido sindaco di Roma- scrive-. Non è un gioco, non sto scherzando. Non sono mai stato così serio e convinto di una mia scelta. A chi storce il naso, giudicandomi per i miei 20 anni, rispondo che non sono stati i giovani a ridurre Roma in queste condizioni“.

federico lobuono

Federico Lobuono

Federico non farà tutto questo da solo: “Affronterò questa bellissima sfida insieme a tante ragazze e tanti ragazzi, tutti under 25, che come me si preparano ad affrontare il domani, impegnandosi tra studio, lavoro e passioni. Giovani donne e giovani uomini che hanno il desiderio e la volontà di partecipare alla costruzione di una città diversa, migliore, all’avanguardia rispetto a quella in cui vivono”.

“Siamo il futuro, vogliamo il presente”, attacca il lungo post di questo ventenne nato in Puglia: “A 15 anni sono andato via da Bari – mi ci trovavo bene – ma l’Italia ha il cuore a Roma e la testa a Milano. Ho fatto una scelta. Ho preferito la Città Eterna. Sono 5 anni che vivo qui e sto alla grande, grazie soprattutto ai romani che mi hanno accolto come un figlio e di questo non posso che esserne grato. Negli ultimi anni mi sono accadute molto cose. Ho cominciato a partecipare attivamente alla vita politica del Paese, battendomi spesso al fianco dei suoi principali protagonisti. Ho continuato a studiare, a lavorare e in contemporanea ad approfondire la conoscenza di Roma, osservando le sue meraviglie e vivendo tutte le sue contraddizioni”.

In questi mesi “mi sono chiesto più volte cosa potessi fare in prima persona per Roma. La risposta è stata avere visione. Provare ad immaginare tutto ciò che è indispensabile per vivere in una grande Capitale. Credo fortemente che uno dei principali problemi di Roma sia il fatto che la politica non abbia una prospettiva, ma cerchi sempre il consenso immediato senza curarsi del futuro delle persone”.

la giovane romaFederico non si fa illusioni: “Sappiamo che è difficile, ma siamo convinti che sia una presa di posizione coraggiosa. Dobbiamo ridare voce ai giovani e rompere una volta per tutte questa retorica dannosa per cui forse, un giorno, arriverà il nostro momento. No, non è così. Noi siamo il futuro, è vero, ma vogliamo incidere sul presente. Punteremo su noi stessi, sulle nostre capacità e sulle nostre idee, lavorando volutamente distanti dalla politica tradizionale. La giovinezza non ha rivali e non teme nulla, ma non siamo degli illusi e sappiamo bene quanto possa essere complicato amministrare una città, figurarsi la Capitale”.

“Ho deciso di candidarmi a sindaco di Roma lanciando La Giovane Roma 2021, perché il domani ci appartiene- conclude-. Ma senza una profonda analisi su come verrà costruito il nostro presente non potremo mai parlare di futuro. I giovani tornano protagonisti della ripartenza di Roma e noi vogliamo esserci con un nostro programma, con le nostre idee e con le nostre proposte“.

IL PROGRAMMA

“Mentre da una parte e dall’altra si scannano sulle primarie o giocano a fare gli attendisti, noi abbiamo deciso di non perdere tempo e cominciare a costruire una lista diversa, giovane e aperta, che non tema il confronto e metta in discussione una visione malsana di Roma”, chiarisce Lobuono. La campagna de La Giovane Roma non sarà la classica campagna elettorale che si studia sui manuali di marketing politico. La Giovane Roma, animata da ragazze e ragazzi under 25, si compone di diversi sottogruppi che si occupano ciascuno di un tema diverso: chi lavora sul programma, chi arruola e coordina i volontari, chi segue l’agenda dei candidati, chi lavora sui social, chi studia la fattibilità delle proposte. Un team scelto nel corso dell’estate che ha fortemente voluto far parte del progetto. Anche il video ufficiale di lancio della campagna ha un significato importante per la lista. Infatti, la colonna sonora del video è stata realizzata da un giovane compositore romano di vent’anni, Marco Cutini, entrato a far parte dello staff i primi giorni di settembre.

“Ci siamo attivati da subito, capendo come strutturare la campagna in ogni singolo aspetto. Abbiamo studiato i programmi, coinvolto esperti, chiesto consigli e cercato altri coetanei disposti a seguirci in questa avventura”, spiega Lobuono. “Dobbiamo smetterla di pensare che essere giovani sia semplicemente una fase di transizione. Non si è giovani e poi, successivamente, vecchi. La gioventù è un modo di vivere le cose, una maniera alternativa di vederle, è l’opposto del lasciarsi andare, dell’arrendersi”, aggiunge Federico.

Il programma si incentra su dieci aree tematiche: Cultura e Turismo, Trasporti, Mobilità e Viabilità, Ambiente, Rifiuti e Decoro, Legalità, Trasparenza e Sicurezza, Scuola e Università, Smart City e SID (Sburocratizzazione, Innovazione e Digitalizzazione), Sport e Politiche Giovanili, Periferie e Politiche sociali, Urbanistica e Città Aperta, infine Partecipazione e Cittadinanza Attiva. “Vogliamo lavorare per trasformare Roma in una Capitale europea, che nulla ha da invidiare alle città del Nord. Una città che investe tempo, energie e risorse su cultura e turismo, in cui si mettano al centro i giovani, l’Università e la formazione. Una città che diventa avanguardia dal punto di vista digitale, innovativo e delle start up, in cui la parola crescita fa rima con sostenibilità, in cui le imprese investono e non delocalizzano”, aggiunge Federico Lobuono.

Una città in cui non si rischia la vita se si prende un autobus, in cui l’ingresso dei parchi è accessibile e non bloccato dagli alberi caduti. Una Capitale in cui si possa tornare a parlare di presente e futuro, da cui non si è obbligati a scappare per cercare lavoro e fortuna. Una Roma in cui centro e periferia sono un tutt’uno, in cui non esiste dispersione scolastica, dove tutti hanno una casa e nessuno è obbligato a vivere per strada. Una Roma all’altezza del suo nome, che sappia nobilitare la passione e sentimento dei suoi cittadini attraverso la crescita e lo sviluppo”, conclude. La Giovane Roma ha organizzato per il prossimo giovedì, alle 10.30 presso “Newton Factory” in via Francesco Caracciolo 23 A, la conferenza stampa ufficiale di lancio della campagna per Federico Lobuono sindaco di Roma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»