A Roma il congresso nazionale di Aimo, l’associazione italiana dei medici Oculisti

Dall'occhio secco al glaucoma e alle maculopatie, fino allo strabismo, all'ipovisione e all'ergoftalmologia, saranno tanti gli argomenti trattati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si svolgerà a Roma il 3 e 4 ottobre, presso l’Ergife Palace Hotel, il 10mo Congresso nazionale dell’AIMO – Associazione italiana medici Oculisti, a cui sono attesi circa 800 medici oculisti provenienti da tutta Italia. Durante le due giornate si svolgeranno incontri, dibattiti e corsi di formazione sui principali argomenti dell’oculistica italiana ma anche internazionale.

Dall’occhio secco al glaucoma e alle maculopatie, fino allo strabismo, all’ipovisione e all’ergoftalmologia, saranno tanti gli argomenti trattati nel corso di sessioni che lavoreranno in modo parallelo. Uno spazio particolare sarà dedicato all’etica medica e alla comunicazione medico-paziente, con un corso tenuto dal dottor Marco Gusmeroli, che ha l’obiettivo di approfondire la gestione degli episodi di violenza nei confronti degli operatori sanitari. I giovani chirurghi di AIMO Academy, inoltre, si metteranno a disposizione di altrettanti giovani specialisti con un corso istruttivo per facilitare la loro crescita in ambito chirurgico e clinico.

Tra gli eventi più attesi, infine, il programma di chirurgia in diretta, in particolare con interventi sul segmento anteriore (cornea, cataratta e glaucoma) e chirurgia vitreo-retinica, che saranno eseguiti all’ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano, diretto dal dottor Antonio Scialdone, da esperti medici chirurghi italiani per dare dimostrazione delle tecniche chirurgiche e delle più avanzate tecnologie.

L’AIMO, nata a Roma nel 2010, è un’associazione che riunisce circa 1000 iscritti tra universitari, ospedalieri, convenzionati, specialisti ambulatoriali e libero professionisti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»