fbpx

Tg Pediatria, edizione del 26 settembre 2019

MERENDINE, SIP: UNA SCONFITTA DOVER ARRIVARE A TASSARLE

“È una sconfitta arrivare a dover tassare le merendine per evitare che vengano consumate”. Lo dice Alberto Villani, presidente della Sip. Ascoltiamo il perché. –

OBESITÀ, SISPE: COMBATTERLA CON SPORT, BENE PROGETTO LAZIO

“Il problema del sovrappeso e dell’obesità infantile non si risolve aumentando il prezzo delle merendine, ma educando le famiglie ad avere una corretta alimentazione e incrementando l’attività fisica nei bambini “. La pensa così Teresa Mazzone, presidente Sispe, che plaude ad una iniziativa della Regione Lazio in tema di sport nell’infanzia.

SIGARETTE ELETTRONICHE, ATTENTI ALLA PNEUMOPATIA DA SVAPO

C’è allerta dei pediatri, dalle sigarette elettroniche arriva una nuova patologia: la pneumopatia da svapo. La spiega Rino Agostiniani, vicepresidente della Sip. 

OSTEOPATIA IN PEDIATRIA, ECCO LE PROBLEMATICHE SU CUI È EFFICACE

Quali sono le principali problematiche in età evolutiva su cui l’osteopatia funziona? Risponde Alessandro Laurenti, osteopata iscritto al Roi, che il 4 ottobre incontrerà i pediatri al Venerdì culturale dell’IdO.

IN ITALIA IL PARTO È PUBBLICO, MA C’È CHI SCEGLIE DI FARLO A CASA

In Italia il parto è pubblico. In media, infatti, l’89% delle gravidanze viene portato a termine in strutture pubbliche. Nel trend permangono, comunque, differenze regionali. Al Nord solo Val D’Aosta e Liguria arrivano al 100% delle gestazioni in strutture pubbliche; al Centro le tre cifre vengono raggiunte da quasi tutte le regioni, mentre nel Meridione ci riesce solo la Basilicata. Non si abbandona, infine, la scelta di partorire in casa, che – seppur in misura minima – interessa la Provincia Autonoma di Trento, il Veneto e l’Emilia Romagna. Questi alcuni dei dati contenuti nel rapporto Cedap del ministero della Salute.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

26 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»