Giornale radio sociale, edizione 26 settembre 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

INTERNAZIONALE – Si salvi chi può. Cicloni, uragani e tifoni diventeranno più potenti in futuro: è il quadro dipinto dagli esperti Onu sul clima che prevedono per i prossimi anni anche l’innalzamento del livello dei mari, a causa della riduzione delle calotte di ghiaccio. Secondo Greenpeace si tratta di uno scenario “agghiacciante e convincente” a cui bisogna porre rimedio con un’azione politica senza precedenti.

ECONOMIA – Una Nota di ambiente, diritti e lavoro. Le 40 associazioni riunite in Sbilanciamoci! chiedono un “Green New Deal” e un grande piano di investimenti per welfare, istruzione e sanità, pari a un punto di Pil. E trovano le risorse senza aumentare le tasse. Ascoltiamo Giulio Marcon, portavoce della Campagna.

DIRITTI – Italia sempre più vecchia, servizi al palo. È la poco edificante sintesi del rapporto Cergas Bocconi. I servizi pubblici raggiungono appena il 10% degli anziani, ma gli over 65 non autosufficienti sono aumentati del 4,6%. Oltre un milione le badanti, sei su dieci risultano irregolari.

SOCIETA’ – Tutti per uno. Al via a Pescara cinque progetti realizzati da reti di associazioni con il supporto del Csv locale. L’obiettivo è aprire il dialogo con i quartieri più difficili e territori provinciali sensibilizzando sui temi della povertà, dell’accoglienza e supporto ai soggetti più deboli.

CULTURA – Un incontro, una storia. Un concorso della Caritas per raccontare i migranti a Roma. Il servizio di Clara Capponi.

SPORT – Sport e lavoro. Sarà il focus della III Assemblea nazionale di avvio anno sociale 2019 dell’USAcli, che si svolge da oggi a sabato a Roma. Tre giorni in cui si spazierà dalle tutele per gli addetti all’attività fisica alle tematiche sociali e fiscali.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»