Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ikea richiama una plafoniera: “Può essere pericolosa”

La plafoniera è in vendita dall'1 agosto 2016. E' stato richiamato un solo lotto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nuovo richiamo per i prodotti targati “Ikea”. Questa volta si tratta delle plafoniere del modello “Calypso”. Ikea ha ricevuto una segnalazione di incidente in cui la plafoniera è caduta andando in frantumi.

L’incidente non ha provocato lesioni alle persone. L’incidente segnalato si è verificato in Austria. Lo ha segnalato l’azienda sul proprio sito internet in un comunicato stampa, sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che avvisa i clienti del pericolo.

Il colosso dell’arredamento ha annunciato il difetto attraverso una nota in cui spiega che: è interessato dal richiamo solamente il lotto (JJWW) 1625-1744 della plafoniera “Calypso” venduta dal primo agosto 2016. Non appena ricevuta la segnalazione dell’incidente, Ikea ha avviato un’indagine accurata che ha portato a una modifica del design del prodotto per ridurre ulteriormente il rischio di caduta.

La nuova versione è già disponibile nei negozi. Per sostituire l’oggetto o essere rimborsati non è richiesto lo scontrino fiscale. Per ulteriori informazioni, visita il sito Ikea o contatta il Servizio Clienti. L’azienda si scusa per eventuali disagi provocati.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»