Datteri palestinesi al Salone del Gusto di Torino

I datteri Medjoul sono prodotti dalla filiera sostenuta dalla Fondazione Giovanni Paolo II, nell’ambito di un progetto realizzato con il contributo dell’Aics.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Partiti dalla valle del Giordano, sono arrivati al salone del gusto di Torino i datteri Medjoul prodotti dalla filiera sostenuta dalla Fondazione Giovanni Paolo II, nell’ambito di un progetto realizzato con il contributo dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) e sviluppato insieme a una solida rete di partner. Tra questi, si legge sul sito web di Aics, la fondazione Slow Food, l’Università di Firenze, Ciheam e Cnr. Grazie a un programma di assistenza tecnica dedicato ai produttori di Jiftlek, un villaggio di circa 5mila abitanti nella parte nord della valle del Giordano, la qualità del celebre frutto è migliorata in misura significativa, così come è migliorata la tecnica di coltivazione, oggi più attenta ai principi dell’agroecologia. La partecipazione al prestigioso salone di Torino, che si è svolto nel capoluogo piemontese dal 20 al 24 settembre, ha segnato un punto importante nel percorso di riqualificazione della produzione e della commercializzazione che è stato sviluppato dalla Fondazione col sostegno dell’Agenzia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»