Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bianchi: “Saranno i presidi a controllare i Green pass del personale scolastico”

Il ministro: "Siamo pronti per la riapertura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sì, siamo pronti per tornare a scuola. Decine di migliaia di persone stanno lavorando per questo”, ha dichiarato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, intervenendo questa mattina a ‘Morning News’. Il ministro ha precisato che “solo una sigla sindacale non ha firmato il protocollo” e che quindi “saranno i dirigenti scolastici a controllare i Green pass del personale”, attraverso uno strumento su cui il ministero è al lavoro con il Garante della privacy e che sarà attivo al momento del rientro in classe degli studenti.
Per quanto riguarda la percentuale di personale vaccinato, Bianchi ha detto che “la situazione sta rapidamente mutando, siamo oltre il 90%: c’è stato un forte aumento di vaccinati nel personale e negli studenti”.

LEGGI ANCHE: Scuola e Green pass, i sindacati: “Il governo ha deciso da solo”

Bianchi: “Vaccinarsi atto di responsabilità collettiva”

Secondo il ministro, quindi, non ci sono incertezze sulle procedure. “La norma è chiara: chi ha il Green pass va a scuola, chi non ha il Green pass sarà sospeso- ha precisato Bianchi- il tampone gratuito sarà disponibile solo per i fragili che non possono vaccinarsi. Ma il tampone- ha aggiunto il ministro- non è un sostituto del vaccino, è solo un atto di tracciamento”.

Per gli studenti, invece, nessun obbligo di Green pass. “Non lo abbiamo mai detto, la nostra scuola non discrimina. Abbiamo una grande attenzione per tutti”, ha aggiunto Bianchi. Anche perché, secondo il ministro, le scuole hanno la possibilità di effettuare subito il tracciamento nel caso in cui si inizi a diffondere il contagio. “Abbiamo introdotto una norma molto chiara: se dovesse esserci un cluster, la situazione verrà subito isolata e monitorata. Ci sono gli strumenti per permettere ai presidi di gestire la situazione specifica. L’idea che tutta la regione vada in zona rossa non c’è più”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»