Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni comunali: 85 sfide in Campania, ma nessun capoluogo al voto

elezioni_comunali_gen1
6 sopra i 15mila abitanti. m5s e pd alleati in 3 comuni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sono 85 i Comuni della Campania che andranno al voto il prossimo 20 e 21 settembre. In 26 casi la popolazione e’ superiore ai 15mila abitanti e potrebbe svolgersi, quindi, un eventuale turno di ballottaggio il primo weekend di ottobre. Nessun capoluogo alle urne. Con una popolazione residente di oltre 100mila abitanti e’ Giugliano in Campania, in provincia di Napoli, il Comune piu’ popoloso al voto. A sfidarsi Nicola Pirozzi, sostenuto da Pd e Movimento 5 Stelle, e Giuseppe Pietro Maisto per il centrodestra, l’ex sindaco Antonio Poziello con Italia Viva e Verdi e Arianna Organo di Potere al Popolo. Partito democratico e M5s sono in coalizione anche a Pomigliano d’Arco, a sostegno di Gianluca del Mastro che sfida Maurizio Caiazzo del centrodestra e i civici Elvira Romano e Vincenzo Romano, e a Caivano con il candidato sindaco Enzo Falco. In campo ci sono anche Salvatore Ponticelli per il centrodestra e l’ex segretario cittadino del Pd Antonio Angelino candidato con Udc e civiche. Ad Ercolano, San Giorgio a Cremano, Cardito, Frattamaggiore e Terzigno ci riprovano i sindaci uscenti di centrosinistra Ciro Buonajuto, Giorgio Zinno, Giuseppe Cirillo, Marco Antonio Del Prete e Francesco Ranieri. Si ricandida anche Massimo Pelliccia, sindaco uscente di Casalnuovo del centrodestra. Quattro candidati a Sorrento si contenderanno la fascia tricolore del sindaco Giuseppe Cuomo, mentre a Marigliano, dopo l’arresto del primo cittadino uscente del Pd Antonio Caprino, ci sono tre aspiranti sindaci in corsa. Il Movimento 5 Stelle e’ fuori dalla competizione per un errore nella vidimazione delle firme. A Pompei provano a sostituire l’ex sindaco dem Pietro Amitrano (sfiduciato lo scorso anno e ora in corsa per le regionali in Campania nella lista del Pd) due candidati di centrosinistra, Carmine Lo Sapio e Domenico Di Casola. Il Pd non ha presentato la lista. Angelo Di Prisco correra’ invece per il Movimento 5 Stelle. Si vota anche a Casavatore, Grumo Nevano, Mugnano, Poggiomarino, Sant’Anastasia e Saviano.

In provincia di Salerno vanno al voto 21 comuni, ma la sfida piu’ interessante e’ a Cava de’ Tirreni. Sono sette i candidati sindaci. Oltre all’uscente Vincenzo Servalli ci sono Marcello Murolo del centrodestra, Giuseppe Benvenuto del Movimento 5 Stelle, Davide Trezza di Potere al Popolo e i candidati civici Enrico Bastolla, Umberto Ferrigno e Luigi Petrone, detto fra Giggino perche’ per anni e’ stato sacerdote del convento della citta’, in campo con la lista ‘La fratellanza’. Tra i Comuni piu’ grandi alle urne ci sono Angri, Eboli e Pagani. Nel casertano si vota in 14 comuni, tra cui Marcianise, San Nicola La Strada e Trentola Ducenta. Dieci piccoli centri compresi tra i 10mila e i 900 abitanti vanno al voto in provincia di Benevento, mentre nell’avellinese si rinnova il Consiglio comunale di Ariano Irpino e di altri 11 comuni. Ad Ariano ci riprova Enzo Franza, eletto sindaco nel 2019 e dimessosi solo sette mesi dopo il voto. A sostegno dell’ex sindaco ci sono 4 liste di centrosinistra e il Movimento 5 Stelle che invece nel 2019 correva da solo con un altro candidato. Per il centrodestra e’ il campo Marco La Carita’, in corsa anche i candidati civici Marcello Luparella e Giovanni La Vita. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»