VIDEO | In Sicilia in azione i sub della Marina: trovati 42 ordigni bellici in 20 giorni

Il gruppo operativo subacquei della Marina militare è entrato in azione dal 6 al 24 agosto nelle province di Palermo, Siracusa, Trapani e Agrigento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Neutralizzati 42 ordigni bellici nelle acque siciliane dal 6 al 24 agosto. Il bilancio arriva dalla Marina militare, impegnata attraverso i palombari del gruppo operativo subacquei (Gos) distaccati presso il Nucleo Sdai (Sminamento difesa antimezzi insidiosi) di Augusta (Siracusa). Gli interventi sono stati effettuati nelle province di Palermo, Siracusa, Trapani e Agrigento, su richiesta delle prefetture.

 

In particolare i subacquei sono entrati in azione ad Altavilla Milicia, nel Palermitano, dove sono stati rimossi e messi in sicurezza 12 proiettili di medio calibro, una bomba da mortaio e una spoletta individuati a tre metri di profondità e a venti dalla costa. A Cassibile, in provincia di Siracusa, sono stati messi in sicurezza sette proiettili di medio calibro. Nel Trapanese palombari in azione a Favignana e Levanzo, dove sono stati bonificati due proiettili navali di grosso calibro e altri due di medio calibro, rinvenuti a pochi metri di profondità, oltre che a Marinella di Selinunte, dove sono stati neutralizzati sei proiettili di grosso calibro e 11 di medio calibro. Interventi, infine, a Sciacca, in provincia di Agrigento, sulla spiaggia Lido Fiori: qui è stata rimossa una mina anticarro tedesca.

 

“A seguito degli interventi è stata ripristinata la sicurezza alla navigazione e alla balneazione – sottolinea il tenente di vascello Marco Presti, comandante del Nucleo Sdai di Augusta -. I ritrovamenti di questo genere vanno denunciati immediatamente alla Capitaneria di Porto, o alla più vicina stazione dei carabinieri, in quanto i manufatti possono essere molto pericolosi e pertanto non devono essere toccati o manomessi”.

Nel corso del 2018 i palombari della Marina Militare hanno recuperato e bonificato oltre 44mila ordigni esplosivi di origine bellica, mentre dall’1 gennaio di quest’anno sono 22.845 i manufatti ritrovati e neutralizzati nei mari, fiumi e laghi italiani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»