Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ex Ilva, reintegrato operaio licenziato per post social: “Ho avvisato tutti, anche Tognazzi e Ferilli”

ex ilva reintegrato
Il licenziamento per il post su una serie televisiva aveva scatenato le reazioni del regista e dell'attrice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Ho avvisato tutti: Richy Tognazzi, Simona Izzo e Sabrina Ferilli. Era il minimo che potessi fare dopo tutto quello che loro hanno fatto per me”. Così, alla Dire, con voce emozionata, Riccardo Cristello spiega cosa ha fatto subito aver saputo che il giudice del lavoro aveva disposto il suo reintegro in fabbrica dopo il licenziamento avvenuto quattro mesi fa per aver condiviso su Facebook un post che invitava a seguire la fiction “Svegliati amore mio” basato sulla storia di una bimba malata a causa delle emissioni inquinanti di una fabbrica. A interpretare il ruolo della madre della piccolo era l’attrice romana diretta da Tognazzi.

LEGGI ANCHE: Ex Ilva, operaio licenziato per post fb: “Mi ha chiamato Sabrina Ferilli, pronta ad aiutarmi”

L’operaio, 45enne di Taranto e papà di due figlie, è pronto a tornare a lavoro: “questi 4 mesi sono stati lunghissimi e non vedo l’ora di rientrare in fabbrica”, dice. La sentenza del giudice “è un pericolo scampato. Quando ho perso il lavoro ho pensato alle mie bambine. Mi sono chiesto tante volte come avrei potuto aiutarle a realizzare i loro sogni, come avrei potuto garantire un futuro alla mia famiglia. Sono stato malissimo. Ora tiro un sospiro di sollievo”.

Con ogni probabilità, Cristello tornerà in amministrazione “lì dove ero finito prima di essere licenziato e dopo venti anni passati nei magazzini della fabbrica. Il compito che mi è stato assegnato è controllore costi”. “Spero di rientrare quanto prima – aggiunge Cristello – forse dovrò rifare le visite mediche e poi finalmente tornerò a lavoro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»