Casellati: “Vanno riaperte le scuole, ma resta un caos inspiegabile”

Lo sostiene la presidente del Senato Elisabetta Casellati, intervistata oggi da 'il Messaggero'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Tutti gli studenti in classe a settembre e’ un imperativo categorico. La scuola non e’ solo didattica al computer, ma e’ crescita educativa, culturale e sociale. È fatta di aule e di incontri, dialogo e relazione tra studenti e docenti. Ci devono essere subito regole certe ed eguali per tutti. E la responsabilita’ del governo non puo’ essere scaricata sui presidi“. Lo sostiene la presidente del Senato Elisabetta Casellati, intervistata oggi da ‘il Messaggero’. 

“Cosi’- aggiunge- rischiamo la catastrofe, creando inaccettabili diseguaglianze e discriminazioni tra studenti di seria A e studenti di serie B. Sono state riaperte tutte le attivita’ produttive, le spiagge, i teatri e i musei. Soltanto per le scuole, che sono una priorita’ assoluta per il Paese, rimane un caos inspiegabile“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»