Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Colombia, da Bogotà a Roma, flashmob nel nome della pace

Mobilitazione a tre anni da accordo, dopo 700 omicidi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In strada dall’America Latina all’Europa, da Medellin e Bogota’ fino a Roma, questa sera con un flashmob in piazza Santa Maria di Loreto, per difendere la pace in Colombia: la mobilitazione e’ stata indetta per oggi per denunciare le uccisioni di attivisti impegnati contro le nuove violenze seguite all’intesa del 2016.

A promuovere l’iniziativa e’ stato il movimento civico Defendamos la Paz, secondo il quale il definitivo superamento di un conflitto civile cinquantennale passa anche da un’opera di sensibilizzazione internazionale. Il punto di riferimento resta l’accordo di pace siglato all’Avana dal governo di Bogota’ e dai guerriglieri delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc). Un’intesa messa pero’ alla prova dall’uccisione, secondo Defendemoz la Paz, di oltre 700 attivisti e rappresentanti comunitari. Tra queste anche Maria del Pilar Hurtado, assassinata il 21 giugno nel Comune di Tierralta, davanti ai suoi due figli.

In piazza si chiederanno segnali e impegni rinnovati sia al governo di Bogota’ che ai guerriglieri e agli ex guerriglieri. A Roma, dopo il flashmob, in programma alle 19, si terra’ una manifestazione lungo via dei Fori imperiali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»